Giovanni Battista Belzoni

Da Wikipedia, l'ençiclopedia libara.
Va a: navigasion, serca
Belxoni vestìo aea maniera araba

Giovanni Battista Belzoni (Padoa, 15 novembre 1778 - Nigeria, 3 dicembre 1823) el xe sta un esploratore veneto e pioniere de l'archeoeogia. El xe ritegnuo uno dei più importanti egitoeogi del mondo.

Biografia[canbia | canbia sorxente]

Infansia e gioventù[canbia | canbia sorxente]

El gera nato a Padoa al tenpo dea Republica Veneta, el gera ncora un bocia col ga tacà lavorare nea botega de barbiero de so papà. A sedex' ani el se ga trasferio a Roma pa farse frate e studiare idraulica[1]; col ga visto e rovine dea capitae el ga comincià a apasionarse de archeoeogia[2][3]. I francesi gaveva intanto conquistà l' Italia e i gaveva abojo l' ordine dei frati dove che gera Belxoni. E eora eo el ga rinuncià ai voti e el ga comincià a viajare, che gera stà ea so pasion fin da toxeto[1].

Ea pasion pa i viaj[canbia | canbia sorxente]

El primo viajo xe stà a Parigi, dove che nol ga vuo tanto suceso come venditore de ogeti sacri. El xe tornà a Padoa e dopo un fià el xe ripartio pa l' Oeanda, e qua, frequentando e trupe francesi de ocupasion, el ga aprofondio i so studi de idraulica. Co el xe tornà Padoa, forte dee so esperiense al' estero, el ga vuo un bon suceso,ma questo ghe ga creà dee inimicisie. Coinvolto nel caos poitico che xe vignuo fora dopo ea ocupasion napoeonica el se ga inguaià e nel 1803, par evitare de finire in gaera[4], el xe scampà co so fradeo in Oeanda e da eà in Inghiltera.

Ea Inghiltera[canbia | canbia sorxente]

El se ga trovà cusì ben che el ghe xe restà nove ani, ciapando anca ea citadinansa britanica[5]. Ea xe diventà ea so seconda patria. A Londra el se mantegneva faxendo l'"uomo forzuto" in un circo (l'era un mauton grando e grosso, alto do metri e forte come un toro) e el se ga sposà co Sarah Banne, na toxa inglexe de Bristol[5], che dopo eo gavaria compagnà in quasi tute e so aventure[3]. Sicome che anca ea gaveva ea pasion pa i viaj i ga organixà un spetacoeo ambueante che ga vuo un bon suceso e che i ga portà in giro pa tuto el regno. El numero principae gera queo de caricarse sue spae na piramide umana de diexe persone e portarle in giro pal palco[5][4]. Oltre che al numero dell' uomo forzuto el mostrava un sistema de fontane che creava un originae xugo d' aqua generà da na machina idraulica de so invension.

Da novo in viajo[canbia | canbia sorxente]

Dopo tanto girovagare in Inghiltera ghe xe vegnua ea nostalgia dei grandi viaj, e co so mujere el xe partio pa portare el so spetacoeo anca in altri paexi. Ea turnè ga tocà ea Spagna, el Portogaeo, ea Sicilia e aea fine i xe sbarcai a Malta. Qua el ga conosuo un emisario del pascià del' Egito, che a chei tempi gera na provincia del' Inpero Otoman, e el xe vegnuo savere che in chel paexe i gera drio cominciare un novo programa agricoeo che comprendeva grandi lavori de irigasion[5]. El xe partio subito, convinto che i so progeti idraulici ghe gavaria verto e porte del suceso.

El busto de Ramesse II al British Museum

L' Egito[canbia | canbia sorxente]

Col xe rivà in Egito el ga fato amicisia co un saco de personaj importanti. Uno de questi xe stà Bernardino Drovetti, un piemontese ex soldato napoeonico che gera diventà consoe generae de Francia oltre che coesionista d' arte e egitoeogo. Questo eo ga introdoto aea corte del pascià[5]. Altri tre personaj che el ga conosuo saria stai importanti pa eo: el grande esploratore svisero Johann Ludwig Burckhardt, che ghe ga dà un mucio de consigli che ghe gavaria fato da guida nee so inprexe[6], el novo consoe generae britanico Henry Salt, n' altro egitoeogo e coesionista che saria diventà gran rivae de Droveti nea corsa ae scoperte archeoeogiche, e un esploratore genovese, Giovanni Battista Caviglia, famoso par ver disoterà ea sfinge de Giza. El carisma e ea forsa persuasiva de sto omo eo gaveva afasinà e e ghe xe stae de esempio[7].

Quando che el pascià eo ga ricevuo el se ga dimostrà interesà al so progeto de na machina paea irigasion, ma co xe stà el momento dea dimostrasion no ea ghe ga comodà e el ga rifiutà l' oferta. Belxoni el ghe xe restà tanto mae, ghe gaveva vusuo un ano e un mucio de schei pa organixare ea dimostrasion.

Primo viajo archeoeogico (30 giugno 1816 - 15 disenbre 1816)[canbia | canbia sorxente]

E eora el ga acetà ea oferta de Henry Salt de trasportare el busto de na statua del re Ramesse II, che el pesava più de 7 toneate, dal tempio Ramesseum tacà Luxor (nea antica Tebe) fin sua sponda del fiume Nieo che gera distante 1200 metri. Ver acetà ea oferta de Salt ga vusuo dire rompare i raporti co Droveti[5]. El xe partio el 20 majo 1816 e dopo ver superà un mucio de dificoltà el ga meso insieme 80 lavoradori locai e el ga comincià. El ga costruio na xlita rudimentae e iutandose co 4 leve el xe riusio nea imprexa metendoghe soeo do stimane[2]. Prima ghe gaveva provà parfin e trupe de ocupasion francexi sensa riusirghe[5].

Questo gera stà soeo un lavoro da trasportadore, ma ea vicinansa co sti capoeavori e e noti pasae nel tenpio ghe gaveva fato aumentare ea pasion a dixmixura.

Un particoeare dea stupenda tonba de Seti I ciamà anca tonba Belxoni

Burckhardt ghe gaveva contà dea so scoperta del tenpio de Abu Sinbel nea Nubia a sud, dove che però nol gera stà bon entrare, e el ga decixo de provarghe eo. Spetando che rivase a barca che doveva portare el coeoso de Ramesse II, el xe partio verso sud e dopo ver afrontà un lungo viajo co el xe rivà el gaveva quasi finio i viveri, e eora el ga fato na perlustrasion e el xe tornà indrio.

Tornando a Luxor el se ga fermà su l' ixoea de Philae nel Tenpio de Iside e el ga ciapà poseso de un importante obeisco par conto del consoeato britanico, sensa portarlo via.

Co el xe rivà a Luxor el xe ndà scavare a Karnak, dove che el ga trovà un pasto de roba, e dopo nea Vae dei Re sua riva oposta del Nieo, e qua el ga verto ea so prima tonba, quea del faraon Ay, che ani dopo ea saria stà cataeogà col codice KV23, dove che el ga inciso ea scrita in inglese :"scoperta da Belxoni-1816".

Finalmente ea barca co sora el busto enorme ea xe partia, e ea gera compagnà da na seconda barca co dentro tuti i reperti che gaveva trovà eo[5]. El xe rivà al Cairo el 15 disenbre 1816. L' imenso busto invese el ga continuà el so viajo fin Londra, dove ancora uncó el xe conservà al British Museum

Secondo viajo archeoeogico (20 febraio 1817 - 21 disenbre 1817)[canbia | canbia sorxente]

El 20 febraio el xe ripartio subito par Karnak e el ga trovà da novo un mucio de roba, tra cui el sarcofago de Ramesse III,che Salt ghe venderà al re Luigi XVIII de Francia e che deso el se trova al museo Louvre de Parigi, e na beisima statua in calcare dea regina Ahmose Meritamon. A chel punto el governatore locae, istigà da Droveti, ghe ga proibio de continuare i scavi.

E eora el xe partio pa Abu Sinbel dove che dopo un fià el xe riusio verxere el tenpio. El fato xe stà ecesionae ma dentro nol ga trovà gninte de vaeore, cusì el ga perso un mucio de schei[5].

Co el xe tornà a Luxor el xe ndà scavare nea Vae dei Re, dove che el ga scoperto un mucio de tonbe, tra e quai ea favoeoxa tonba del faraon Seti I (KV17), una dee più bee de tuto l' Egito. Dentro ea gera tuta decorà co beisimi afreschi e basorilievi tanto da esere ciamà ea capea Sistina egisia. Ea xe ncora conosua come ea Tonba Belxoni.

Più tardi el gavaria provà vendarghe el beisimo sarcofago de Seti I in aeabastro traslucido a Droveti e al British Museum ma tuti do i ga rifiutà dixendo che el gera masa caro. Aea fine eo gavaria conprà nel 1824, dopo ea morte de Belxoni, el coesionista privato John Soane che eo ga meso nea cripta dea so abitasion-muxeo a Londra, dove che el se trova ancora deso[5].

Prima de tornare el se ga meso fare ea mapatura dea tonba, l' inventario de queo che gera dentro e dei calchi in cera dei basorilievi che i ghe saria servii pa ricreare l' ambiente in dee mostre da fare in Europa[3]. Ea tonba ea xe talmente inportante che ea xe sarà al publico.

Nel corso dei ani ea xe stà tanto danegià, par esenpio i ghe ga portà via un mucio de basorilievi, e questo ga costreto el governo egisian a permetare l' entrata soeo in caxi ecesionai, come quando che vien dei capi de Stato in vixita in Egito.

Ea firma de Belxoni dentro a piramide de Chefren

Nel disenbre 1817 el xe tornà al Cairo dove che el ga savuo che gera morto Burckhardt. El ga decixo de metarse in proprio e farse imprestare dei schei pa xvincoearse da Salt e poderse godere da soeo i fruti dee so scoperte e gestire el lavoro in autonomia.

Xe stà cusì che durante sto sogiorno el ga fato n' altra scoperta clamoroxa: el ga catà l'ingreso dea piramide de Chefren a Giza visin al Cairo, el ghe xe riusio studiando co cura ea strutura interna dea visina piramide de Cheope. Anca qua dentro nol ga trovà gninte de vaeore, se gavaria scoperto dopo na iscrision in arabo che ea piramide gera xa stà vioeà 600 ani prima da so fioeo del famoso Saeadin[5].

Sta scoperta xe stà comunque acolta a Londra co un gran entuxiaxmo e pa ceebrarla xe stà conià in so onore na moneda de bronzo che ea gaveva el so profio stampà da na parte e ea piramide da staltra[3].

Terso viajo archeoeogico (28 aprie 1918 - 18 febraio 1819)[canbia | canbia sorxente]

El xe ripartio conpagnà da Alessandro Ricci, un dotore e artista de Siena che ghe gavaria fato e ilustrasion del viajo e dei reperti par dee mostre da fare in Europa e pa el libro dei so viaj che el gaveva in mente de scrivare. Co 'l xe rivà a Tebe el ga scoperto che Salt e Droveti i se gaveva spartio e xone de scavo più bee.

Mapa del' Egito dove a sud-est se vede Berenice

Confinà ne na xona secondaria el xe stà fortunà trovare qualche bon reperto tra cui na beisima statua del faraon Amenofi III. Dopo ver finio insieme co Ricci el lunghisimo lavoro de descrision e dei calchi nea tomba de Seti I el xe ndà aea riserca de Berenice, un antico porto del mar Roso scoperto da poco da un mineraeoeogo francese.

Dopo ver risaio a sud el Nieo el ga traversà el dexerto e co el xe rivà sul posto el se ga reso conto che el francexe gaveva scoperto i resti de na miniera, e eora ndando più a sud el xe riusio scoprire par primo ea vera Berenice. Co el xe rivà però el gaveva finio i viveri e ghe ga tocà tornare indrio a man vode. Pa ea enesima volta el gaveva fato na gran scoperta che invese de arichirlo eo gaveva disanguà[5]. I raporti co Ricci no i gera stai boni fin dal principio, questo no ghe piaxeva el caratere vulcanico de Belxoni e co i xe rivai a Tebe i se ga separà.

L' obeisco de Philae nea so attuae locasion a Kingston Lacy nel Dorset in Inghiltera

Tornando a Tebe el ga incontrà Salt che el ghe ga oferto de ndare tore a Philae chel obeisco che el gaveva ciapà in poseso nel primo viajo, e portarlo a Luxor. El saria sta examinà nel 1822 dal egitoeogo francese Champollion che confrontando e iscrision greche e i geroglifici che ghe gera sora el ga vuo ea verifica decisiva dea so decifrasion dei gerojifici[5].

Belxoni ga acetà, e quando qualche mexe dopo el xe rivà a Tebe co l' obeisco, Droveti eo ga visto, e, sicome che in Europa el voeva portarlo eo, el se ga inbestià e el ghe ga meso anca e man doso. Droveti gera masa influente, el gera parfin el consijiere miitare del pascià. Co sta barufa Belxoni gaveva capio che ea so cariera de esploratore in Egito gera finia[5].

Ea causa penae che xe seguia xe sta lunga e ghe ga tocà restare in Egito un bel toco, invese de tornare in Europa come che el gaveva previsto. E eora el se ga meso in viajo da novo, stavolta in serca dea oaxi de Siwa, nel nord-ovest del paexe, dove che ghe xe el tenpio del oracoeo de Amon, famoxo nea antichità pa verghe predio el futuro a Alesandro Magno. Aea fine el ga scoperto n' altra oasi, quea de Bahariya, credendo che ea fuse quea de l' oracoeo[5], anca qua nol ga trovà gninte de speciae e el xe tornà al Cairo.

Aea fine dea so aventura egisiana, oltre ae varie altre scoperte, el gaveva verto oto tonbe nea soea Vae dei Re ( dove in totae fin ai giorni nostri ghe ne xe stà scoperte 63):

Ritorno in Europa[canbia | canbia sorxente]

El medajon comemorativo fisà sora l'ingreso orientae del Paeaso dea Raxon che dà sul coridoio che porta in municipio

El proceso co Droveti, grasie al aiuto de Salt, el xe ndà finire in gninte, e eora el ga xbrigà e ultime formaità e el ga easà l' Egito nel setenbre del 1819 rivando a Padoa i primi de disenbre. Qua ea acojensa xe stà granda. L' eco dee so imprexe e e do statue che el ghe ga regaeà al comune ga spinto e autorità a farghe grandi onori, tra cui el conio de un medajon comemorativo. E statue gera do sfingi che deso e xe al Paeaso dea Raxon in sità.

Nel Muxeo Archeoeogico ghe xe stà dedicae do sae egisie in dove che ghe xe dei reperti sui. A Padoa el ga conosuo l' architeto Giusepe Japei, dandoghe ea ispirasion pal progeto dea saea egisia del cafè Pedrochi[5]. Dopo do soi mexi el xe partio par Londra, dove che el xe rivà a fine marso del 1820.

Anca qua l' acojensa xe stà speciae, el gera diventà famoxisimo e el xe stà invità a frequentare i saeoti più importanti, el xe parfin entrà nea logia masonica del' arca reae, dove che gera afilià anca el duca del Sussex[5]. El se ga meso scrivere el libro dee memorie dei so viaj, ilustrà da beisimi aquarei sui e de Ricci. El libro xe stà publicà in inglexe aea fine del 1820 col titoeo :"Raconto dee Operasion e dee Recenti Scoperte nee Piramidi, Tenpli, Tonbe e Scavi in Egito e in Nubia, e de un Viajo nea Costa del Mar Roso, in serca dea antica Berenice, e n' altro nel' Oaxi de Jupiter Ammon".

El ga vuo un gran suceso, ghe ne xe stà stanpà diverse edision e el xe stà tradoto anca in italian, tedesco e francexe. Sempre a Londra el ga organixà na mostra dei so reperti e dea riprodusion dea tonba de Seti I che el ga reaixà coi calchi che el gaveva tolto. anca ea mostra xe ndà benon, tanto ch el ga deciso de replicarla a Parigi. Nel 1822 el xe stà invità in Rusia, dove a San Pietroburgo el xe stà ricevuo co grandi onori dal Xar Alesandro I in persona, che el ghe ga regaeà un aneo co un topasio.

Ea vendita dei reperti e el suceso del so libro e dea mostra no ga compensà tuti i debiti che el gaveva acumueà co tute chee scoperte dove che nol gaveva trovà gninte[5]. El bixogno de schei e ea so nostalgia pai viaj ghe ga fato acetare ea oferta dea asociasion africana de Londra par sercare e fonti del Niger. Sto fiume centroafrican el gera quaxi sconosuo esendo stà scoperto soeo pochi ani prima dal grande esploratore scosexe Mungo Park, che nee so vicinanse el gaveva trovà ea antica Tinbuctu.

El viajo in Africa ocidentae e ea morte[canbia | canbia sorxente]

El xe partio nel 1823 par Tinbuctu, el voeva ragiungerla pasando dal Maroco. Rivà a Fes el re ghe ga dà el permeso de traversare e so tere e na scorta, ma co el xe rivà sul dexerto el se ga reso conto de quanto ostii che fuse i locai e el xe tornà indrio decidendo de rivare a Tinbuctu dal sud.

El xe ndà a Gibiltera, dove che el ga ciapà na nave pa e Canarie[1], e da queste n' altra nave pa el Regno del Benin, che el se trovava nea odierna Nigeria. El voeva ndare dal re nea capitae Benin, che deso ea se ciama Benin City, par domandarghe i permesi e na barca par risaire el Niger.

Ma poco dopo che el xe sbarcà in Africa el xe morto de disenteria el 3 disenbre 1823 nel porto fluviae de Gwato, 40 kiometri prima de Benin City.[8][9][3]. El signor Houtson che eo compagnava nea spedision eo ga fato sepeire pena fora de Gwato e el ghe ga meso na epigrafe sua tomba col nome e ea data de morte. El ghe ga anca fato scrivare:"el signor che ga meso sta epigrafe sua tomba de sto famoxo e intrepido viajador, el spera che ogni europeo che vixita sto posto el tegna neta ea tera e el fasa riparare ea recinsion che ghe xe intorno, se xe necesario". Circa quarant' ani dopo un viajador che xe rivà fin là nol ga trovà altro che l' albaro[8].

Giudisi critici[canbia | canbia sorxente]

Un ritrato de Belxoni in abiti egisiani

Ghe xe stà chi che eo ga criticà pa ea rudesa dei so sistemi de scavo, in efeti ai giorni nostri ghe xe più atension a salvaguardare i reperti, ma i so detratori no i ga tegnuo conto del contesto storico in cui el ga operà[5]. A chei tenpi in Egito ea archeoeogia no gera gnancora rafinà come che ea xe deso. Quei che ndava furegare nee rovine più che archeoeogi i gera aventurieri al servisio dei muxei o dei coesionisti privati, e i gera disposti a tuto pur de fare i schei, rovinando un pasto de tochi pregiai. Belxoni xe stà tanto difarente e el se ga distinto pa l' ordine e el metodo dei so scavi[7]. El steso ceebrà Champollion el ga cavà un mucio de basorilievi daea tonba de Seti I, dove che invese Belxoni el se ga limità a fare i calchi in cera[5].

El xe stà apresà pa ea so profesionaità, col doveva vaeutare un reperto el ghe ndava pian prima de stabiire ea data de quando che el gera stà fato e e so descrision e gera sempre precixe e particoearegiae[3], anca quee dee tombe dove che nol ga trovà gninte.

Uno dei segreti de Belxoni xe stà de eserse guadagnà el rispeto dei locai, i ga tratà co umanità, el ga imparà ea so lingua e el se vestiva da arabo, el se ga parfin fato cresere na barba eonga come quea che ga eori. In sta maniera i ga convinti a lavorare duro, che noi gera bituai, là dove che tuti i so coeghi del tenpo no ghe gera mai riusii[5].

El so caratere vulcanico e indipendente eo ga portà a rompare amicisie influenti (Droveti, Salt, el consoe svedese). El voeva briare de luce propria e no ghe piaxeva esere considerà un agente dei consoi[6]. Se da na parte questo ghe ga consentio de autogestirse el lavoro e de goderse ea fama dee so scoperte, che altrimenti sea gavaria ciapà eori, da staltra eo ga ixoeà. Droveti e Salt gaveva ae spae i potenti mexi dea Francia e de l' Inpero Britanico e eo, stacandose da eori, ghe ga tocà domandare un mucio de prestiti che i eo ga rovinà. Ghe gera in baeo tanti schei coe rovine egisie, e i do consoi i eo ga talmente tanto ostacoeà che el ga dovuo ndare via.

Influensa culturae[canbia | canbia sorxente]

Malgrado ea gran quantità de scoperte che el ga fato el so nome nol xe ceebrà come che el se meritaria e pochi xe stà i libri a eo dedicai. Nel campo dea archeoeogia egisia el xe stà considerà par tanto tempo un modeo da imitare dai esploratori che xe vegnui dopo de eo e tanti esperti de egitoeogia i eo ga stimà e ritegnuo un esempio[5][7].

El regista american George Lucas el se ga ispirà a Belxoni col ga creà el famoso personajo de Indiana Jones definendoeo un archeoeogo ecesionae ma dotà de un caratere duro e rude.[10]

El poeta inglexe Percy Bysshe Shelley el ga vuo ea ispirasion pa scrivere el so soneto "Ozymandias" dal grande busto de Ramesse II al British museum.

Na cità del Stato american del Mississippi ea se ciama "Belzoni" in so onore.

L' atore inglese Matthew Kelly nel 2005 el ga interpretà Belxoni pa el docudrama dea BBC Egypt.

Nel 2009 el grupo italian de jazz rock "Arti e Mestieri" ga publicà un Ep intitoeà Il grande Belzoni composto da 4 canson. Sta opera xe na parte del concept album "Piramidi - Quadri di un'esplorazione" de prosima publicasion, che el gavarà 17 tochi tuti dedicai aea so vita.

Note[canbia | canbia sorxente]

  1. 1,0 1,1 1,2 Viaggi in Egitto e Nubia seguiti da un altro viaggio lungo la costa del Mar Rosso e all'Oasi di Giove Ammone (prefazione di L.Menin). Milano, Sonzogno, 1825. URL consultà el 5-11-2010.
  2. 2,0 2,1 Giovanni Battista Belzoni. Emuseum @ MSU consultà el 3-11-2010
  3. 3,0 3,1 3,2 3,3 3,4 3,5 Giovanni Battista Belzoni (1778-1823). Treccani consultà el 3-11-2010
  4. 4,0 4,1 Giovanni Battista Belzoni. sito web dea università de Stato del Minesota, 2009. URL consultà el 5-11-2010.
  5. 5,00 5,01 5,02 5,03 5,04 5,05 5,06 5,07 5,08 5,09 5,10 5,11 5,12 5,13 5,14 5,15 5,16 5,17 5,18 5,19 5,20 5,21 European interest in Egypt. www.ancient-egypt.co.uk, 2009. URL consultà el 5-11-2010.
  6. 6,0 6,1 Viaggi in Egitto e Nubia seguiti da un altro viaggio lungo la costa del Mar Rosso e all'Oasi di Giove Ammone. Milano, Sonzogno, 1825. URL consultà el 5-11-2010.
  7. 7,0 7,1 7,2 IL GRANDE BELZONI DI MARCO ZATTERIN ,presentaxion del libro de cui aea bibliografia. coaloalab.splinder.com, 2008. URL consultà el 11-11-2010.
  8. 8,0 8,1 The Gentleman's magazine, Volume 135, (in inglese) pag. 462, 1824
  9. Travellers in Egypt, (in inglese) pag. 49, I.B.Tauris, 2001
  10. "Raiders of the Lost Ark", (in inglese) Tim Dirks 1996-2008.

Bibliografia[canbia | canbia sorxente]

Scriti de Belxoni[canbia | canbia sorxente]

  • (EN)Narrative of the Operations and Recent Discoveries Within the Pyramids, Temples, Tombs and Excavations in Egypt and Nubia and of a Journey to the Coast of the Red Sea, in search of the ancient Berenice; and another to the Oasis of Jupiter Ammon, Londra, John Murray, 1820 (edision inglexe del 1835 consultabie online)
  • (EN)Description of the Egyptian Tomb, Discovered by G. Belzoni, Londra, Murray, 1821
  • Viaggi in Egitto e Nubia contenenti il racconto delle ricerche e scoperte archeologiche fatte nelle piramidi, nei templi, nelle rovine e nelle tombe di questi paesi seguiti da un altro viaggio lungo la costa del Mar Rosso e all'Oasi di Giove Ammone, Milano, Sonzogno, 1827 (edision italiana del 1827 consultabie online)

Altri scriti a eo dedicai[canbia | canbia sorxente]

  • (EN)Sarah Atkins, Fruits of enterprize exhibited in the travels of Belzoni in Egypt and Nubia, Londra, Harris and son, 1821 (edision inglexe del 1821 consultabie online)
  • Luigi Montobbio, Giovanni Battista Belzoni — la vita i viaggi le scoperte, Edision Martello, Padoa, 1984
  • Gianluigi Peretti, Belzoni: viaggi, imprese, scoperte e vita, Edision GB, Padoa, 2002
  • Marco Zatterin, Il gigante del Nilo, Mondadori, 2000
  • Marco Zatterin, Il gigante del Nilo.Storia e avventure del Grande Belzoni, Il Mulino, Boeogna, pagg. 388, 2008 (edision amplià del libro presedente).

Altri progeti[canbia | canbia sorxente]

Coegamenti esterni[canbia | canbia sorxente]