Istituto Mater Boni Consilii

Da Wikipedia, l'ençiclopedia libara.
Jump to navigation Jump to search
Madòna de Bon Consejo, imàxene adotà da l'Istituto Mater Bonii Consilii.

Ł'Istituto Mater Bonii Consilii (IMBC) ła xe na asociasion de catòłeghi tradisionałisti de cereghi e fedei fondà in tel disenbre 1985[1] [2][3][4].

Storia[canbia | canbia el còdaxe]

Ła cexa de San Luigi (Albarea) fraxion de Ferara) de ł'Istituto Mater Bonii Consilii.

Dopo el Conciłio Vatican II e l'ativasion del nòvo maxistero el arcivescovo fransexe Mons Marcel Lefebvre el ga fondà ła Fraternità sacerdotal San Pio X (FSSPX) par conservar le tradision de ła Céxa Catòłega (come ła Mesa tridentina) e in opoxision a łe riforme del Conciłio.

Do profesori del Seminario internaxional San Pio X a Écône, tra sti chi Michel Guérard des Lauriers (autor del conosuo Curto esame critego del Novus Ordo Missae e dopo vescovo de ła łinea Thục), i dirigia i seminaristi a capire el problema de l'utorità in te ła Céxa Catòłega del Vatican II[5]. Ła Fraternità ła ga inposto ła regoła de pregare pa Giovani Paoło II (in te canone de ła mesa) cosiderar autentego papa, ma de no scoltarło cuando che el se łontana in materie come l'ecumenismo łibertà rełijoxa ecc. parchè ste riforme łe guasta ła Cèxa; chi che no el rispeta sta poxision de ła FSSPX el venia butà fora o el naxea fora łu da ła Fraternità[6].

Ła poxision de ła Fraternità (el riconoscimento ufisałe dei papi che i sostien el Vatican II co l'oblego de dixubedir cuando che i se łontana da ła tradision)[7] no ła ga convinto cuatro preti itałiani (de łora) che in tel disenbre 1985 (in devosion a ła Madòna de Bon Consejo) i ga fondà l'Istituto Mater Boni Consilii[1][8] prima a Nichelino[9] e dopo a Verrua Savoia senpre in provincia de Turin. In tel setenbre 1986 do preti a nome de tuti i xe na a Raveau dal vescovo teołogo Michel Guérard des Lauriers, e i so dubi su ła situasion de ła Céxa Catòłega del Vatican II[10] i xè sta ciarii condividendo ła poxision teołogega conosua come Texi de Casiciacum[11] i xe sta ciarii co ła condivixion de ła Texi de Casiciacum o sedeprivasionismo; sta texi ła defenise ła Sede Apostołega ocupà materiałmente ma no formałmente[12] [13] almanco dal 7 de disenbre 1965[14].

Òpare, espansion e fin de l'Istituto Mater Boni Consilii[canbia | canbia el còdaxe]

Ł'Istituto el xe inpegnà a dare i sacramenti, a cełebrar Mese tridentine[15] o de San Pio V doprando łe rubrighe de San Pio X[16] sensa nominar el nome del papa (no una cum)[17], el ga el seminario San Piero martire[18]a Verrua Savoia par ła formasion de reigiosi/e, eł fa periodicamente i exercisi spirituai[19], conferense, pełegrinaji[20], el stampa łibri[21] el scrive ła rivista Sodalitium[22][23]. El xe espanso in Itałia, Fransa, Argentina, Paéxi Basi e Belgio dove sta el vescovo Geert Stuyver che el goerna pa dare ła crexema e l'ordinasion de rełigioxi/e[12] [24].

Ł'istituto el ga bio i auguri e ła sinpatia del vescovo Michel Guérard des Lauriers che el ga aprovà el fin[25].

Notasion[canbia | canbia el còdaxe]

  1. 1,0 1,1 Emanuele Dal Medico, All'estrema destra del padre: tradizionalismo cattolico e destra radicale, Ed. La Fiaccola, 2004. «Tra questi si annovera L'Istituto Mater Boni Consilii, fondato nel 1985 da sacerdoti fuoriusciti per motivi di coscienza da Ecône e che dal 1987 aderiscono alla «Tesi di Cassiciacum» nome della rivista teologica che per prima la dilagò ».
  2. (IT) Chi siamo. Lingambo vardà el 2 settembre 2016.
  3. (IT) Sodalitium N. 55 dicembre 2002 p. 60 Vita dell'Istituto. «Sodalitium (che si ispira nel suo titolo al Sodalitium pianum, l'associazione anti-modernista fondata da mons. Benigni con il plauso di San Pio X) nacque nel 1983, come rivista del Priorato di Montalenghe e poi di tutto il distretto italiano della Fraternità San Pio X, la congregazione fondata da Mons. Lefebvre. Nel 1985, i fondatori e gli altri redattori della rivista lasciarono la Fraternità per formare l'Istituto Mater Boni Consilii.»
  4. (IT) Con testi di Mons Guérard des Lauriers, Primo articolo (Sodalitium N°13) Introduzione al problema dell'autorità in Il problema dell'autorità e dell'episcopato nella Chiesa, Centro Librario Sodalitium, 2005. : «[...] la nostra separazione dalla Fraternità San Pio X avvenuta il 18 dicembre 1985»
  5. (IT) Con testi di Mons Guèrard des Lauriers, Primo articolo (Sodalitium N° 13) Introduzione al problema dell'autorità in Il problema dell'autorità e dell'episcopato nella Chiesa, Centro Librario Sodalitium, 2005. 23: «Fin dal 1975 il Padre Noël Barbara ed il teologo domenicano Michel L. Guérard des Lauriers orientavano i fedeli alla comprensione della autorità nella Chiesa.»
  6. (IT) Con testi di Mons Guérard des Lauriers, Primo articolo (Sodalitium N° 13) Introduzione al problema dell'autorità in Il problema dell'autorità e dell'episcopato nella Chiesa, Centro Librario Sodalitium, 2005. 25: «Si giunge così alla celebre posizione sulla Messa e sul Papa dal novembre 1979 nella quale si dichiara intollerabile nella Fraternità la posizione di chi nega la legittimità di Giovanni Paolo II. In seguito a questa dichiarazione un buon numero di sacerdoti e di seminaristi, anche se già diaconi, vengono espulsi dalla Fraternità e, dal 1984, si imporrà ai nuovi ordinandi di firmare prima della ordinazione una dichiarazione di fedeltà alle posizioni della Fraternità che inizia così: "Io sottoscritto, riconosco Giovanni Paolo II come Papa legittimo della Santa Chiesa cattolica. Perciò sono pronto a pregare pubblicamente per lui in quanto Sovrano Pontefice. Rifiuto di seguirlo quando si allontana dalla Tradizione cattolica, particolarmente in materia di libertà religiosa e di ecumenismo, come pure nelle riforme nocive per la Chiesa". Così, l'accusa infondata da Paolo VI a mons. Lefebvre di sottomettere i seminaristi ad un giuramento contro il papa, diventa realtà. Il passar del tempo, però, ha dato ragione ai previdenti del 1979: Giovanni Paolo II ha intensificato l'ecumenismo del Vaticano II. Mons. Lefebvre ripropone quindi l'ipotesi sedevacantista nell'Omelia a Ecône della Pasqua 1986: "È possibile che siamo nell'obbligo di credere che questo papa non è papa". Questa dichiarazione non impedisce alla Fraternità di mantenere in vigore la "dichiarazione" di fedeltà da far firmare agli ordinandi! Solo Dio conosce il seguito di questa serie di "colpi di scena" che sembrano più guidati dalla possibilità o meno raggiungere un accordo che dalla luce della Fede.»
  7. (IT) Con testi di Mons Guérard des Lauriers, Primo articolo (Sodalitium N° 13) Introduzione al problema dell'autorità in Il problema dell'autorità e dell'episcopato nella Chiesa, Centro Librario Sodalitium, 2005. 23: «Non si può disobbedire (abitualmente almeno) ad un legittimo Papa. Non si possono rifiutare Concilio e nuova messa, coperti per natura dall'infallibilità del magistero ordinario universale e dall'assistenza dello Spirito Santo promesso alla Chiesa anche nella disciplina, se non si rifiuta la legittimità dell'autorità che avalla tali riforme, provandone la decadenza.»
  8. (IT) Sodalitium N. 67 dicembre 2002 p. 2,3 Editoriale.
  9. (IT) Con testi di Mons Guérard des Lauriers, Prefazione in Il problema dell'autorità e dell'episcopato nella Chiesa, Centro Librario Sodalitium, 2005. 3: «Nel 2005 ricorrono i vent'anni dell'Istituto Mater Boni Consilii che fu fondato nel dicembre 1985 a Nichelino, in provincia di Torino.»
  10. (IT) Sodalitium N. 67 dicembre 2002 p.3 Editoriale.
  11. (IT)Tesi di Cassiciacum. Lingambo vardà el 2 settembre 2016.
  12. 12,0 12,1 Veronica Roldán, 2. Le voci critiche verso il Papa, in nome della tradizione in Papa Francesco e il cattolicesimo sud globale: L'impatto del suo pontificato in Italia, Milano, FrancoAngel srl, 2018. «Alla destra di monsignor Lefebvre si è sviluppata una galassia di gruppi che si autodefiniscono "non-una cum", nel senso che non menzionano il Pontefice regnante alla Messa, dunque non lo riconoscono "veramente" come Papa. Sono fuori con la comunione con "questa" Chiesa cattolica, per loro stessa auto-definizione, e li possono ricondurre a tre posizioni.Innanzitutto vi è una posizione detta "sede-privazionista", rappresentata soprattutto da don Francesco Ricossa (figlio dell'economista Sergio Ricossa recentemente scomparso) e dell'Istituto Mater Boni Consilii di Verrua Savoia che pubblica la rivista Sodalitium. Essi si rifanno al domenicano padre Michel Guérard des Lauries, grande teologo tomista, molto stimato quando era nella Chiesa cattolica, passato dopo il Concilio con mons. Lefebvre, per poi abbandonare anche quest'ultimo. Guérard des Lauries elaborò la tesi per cui, dal 7 dicembre 1965, data di chiusura del Concilio ecumenico Vaticano II, la Santa Sede è occupata materialmente (materialiter) ma non formalmente (formaliter): il Papa eletto, infatti, afferma dottrine condannate come eretiche dai suoi predecessori e opera per il male della Chiesa. D'altra parte, essendo solo materialmente occupata, non è possibile indire un nuovo Conclave, e non resta che attendere che il Signore risolva il problema. Nel frattempo occorre agire come se il Pontefice non esistesse, nominando per esempio nuovi vescovi, celebrando proprie liturgie "non una cum", ecc.».
  13. (IT) Con testi di Mons Guérard des Lauriers, Primo articolo (Sodalitium N° 13) Introduzione al problema dell'autorità in Il problema dell'autorità e dell'episcopato nella Chiesa, Centro Librario Sodalitium, 2005. 24: «Gli attuali occupanti non sono Papi formalmente (non hanno l'Autorità, non hanno la divina assistenza) ma possono essere ancora "papi" materialmente (canonicamente eletti, fino a prova del contrario, occupano la Sede Apostolica e potrebbero divenire formalmente Papi condannando gli errori). Quanto alla Fraternità San Pio X, la storia del suo atteggiamento nei confronti del problema dell'autorità è sconcertante.»
  14. (IT) Con testi di Mons Guérard des Lauriers, Secondo articolo (Sodalitium N° 13) Intervista a Mons. Guérard des Lauriers o.p Curriculum vitae in Il problema dell'autorità e dell'episcopato nella Chiesa, Centro Librario Sodalitium, 2005. : «[...] questa tesi consiste nell'affermare la vacanza formale della Sede Apostolica, certamente a partire dal 7 dicembre 1965 .»
  15. (IT) Sante Messe. Lingambo vardà el 3 settembre 2016.
  16. (IT) Sodalitium N.62, giugno 2008, p. 62 Benedetto XVI sostituisce la preghiera del Venerdì Santo per i Giudei nel messale del 1962 Mons. Donald J. Sanborn «[...] Si deve ricordare che ciò che ha causato il nostro allontanamento dalla FSSPX nel 1983, è stata la messa di Giovanni XXIII, cioè il messale del 1962. La ragione per cui l'arcivescovo Lefebvre voleva che tutti adottassero questo messale, rimangiandosi la sua precedente scelta di permettere le rubriche precedenti il 1955, era che in quel momento egli stava trattando molto seriamente con Ratzinger, per far sì che la FSSPX venisse riassorbita nella religione modernista. Egli mi disse personalmente che il Vaticano non avrebbe mai accettato che noi usassimo le rubriche precedenti il 1955, ed io vidi con i miei occhi i documenti riguardanti le trattative tra lui e Ratzinger, al cui centro c'era il messale del 1962, il cui uso sarebbe stato consentito alla FSSPX. [...] Nel 1983, quando i nove sacerdoti si opposero all'abbandono delle rubriche del Messale di san Pio X , del calendario e del breviario, pochi laici capirono l'importanza di questo gesto. La media dei laici non riesce a distinguere la messa tradizionale del 1962 da quella del messale precedente il 1955, cioè quello che noi usiamo. Ma, in realtà, le differenze sono importanti. Nei gesti e nei simboli della liturgia ci sono interi volumi di insegnamento.».
  17. (IT) Opportune importune maggio 2005 «Dal punto di vista della Fede, non cambia nulla. B.XVI, come Paolo VI, G.P.I. e G.P.II, aderisce al Vaticano II (che contraddice il Deposito della Fede) e accetta la riforma liturgica (che ha introdotto un rito di natura protestante). Questi errori rappresentano un ostacolo per ricevere dalla SS. Trinità l'autorità suprema. B.XVI potrebbe in qualsiasi momento rimuovere l'ostacolo con un atto pubblico di condanna del Concilio e del Novus Ordo Missae: in quel caso diventerebbe Papa formalmente, e non solo materialmente. Senza questo atto non può essere considerato formalmente legittimo Vicario di Cristo e il suo nome non può essere citato al Canone della Messa ».
  18. (IT) Il Seminario “San Pietro Martire”. Lingambo vardà el 2 settembre 2016.
  19. (IT) Esercizi spirituali. Lingambo vardà el 3 settembre 2016.
  20. (IT) Opportune Importune giugno 2014 «[...] degli impegni di insegnamento (seminario e noviziati) e di apostolato ("centri di Messa", esercizi spirituali, campi per bambini, ecc...).»
  21. (IT) Benvenuti sull'e-commerce del Centro Librario Sodalitium!. Lingambo vardà el 2 settembre 2016.
  22. (IT) Sodalitium (rivista). Lingambo vardà el 2 settembre 2016.
  23. (IT) Opportune Importune giugno 2014 p. 1 n. 28 «“Sodalitium” esce raramente, per lo più una volta all'anno (oltre al numero natalizio dedicato al calendario).»
  24. (IT) Sodalitium N.66 aprile 2013 pp. 49-54.
  25. (IT) Con testi di Mons Guérard des Lauries, Secondo articolo (Sodalitium N° 13) Intervista a Mons. Guérard des Lauriers o.p Intervista in Il problema dell'autorità e dell'episcopato nella Chiesa, Centro Librario Sodalitium, 2005. 55: «12) Sodalitium: Cosa pensate del gruppo di Sacerdoti e seminaristi italiani che si sono costituiti nell'Istituto "Mater Boni Consili" ?» Mons. G.: Istituto Mater Boni Consilii. Sono felice di manifestare a quest'istituto ed ai suoi membri, i miei auguri sovrannaturali e la mia fervente simpatia. Non posso che approvare la finalità dell'Istituto, visto che comporta il diffondere tra i fedeli ciò che precisamente credo essere la verità, e di cui l'essenziale è stato rammentato qui sopra.»

Bibliografia[canbia | canbia el còdaxe]

  • (IT) Con testi di Mons Guérard des Lauriers, Il problema dell'Autorità e dell'episcopato, Centro Librario Sodalitium, 2005, ISBN 88-89596-11-2.
  • (IT) Sodalitium.
  • (IT) Opportune importune.
  • (IT) Emanuele Dal Medico, All'estrema destra del padre: tradizionalismo cattolico e destra radicale, Ed. La Fiaccola, 2004.
  • (IT) Veronica Roldán, Papa Francesco e il cattolicesimo sud globale: L'impatto del suo pontificato in Italia, Milano, FrancoAngel srl, 2018, ISBN 8891773492.

Voxe corełade[canbia | canbia el còdaxe]

Altri projèti[canbia | canbia el còdaxe]

Linganbi foresti[canbia | canbia el còdaxe]

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikipedia.org/w/index.php?title=Istituto_Mater_Boni_Consilii&oldid=784105"