Dichiarazione più copiosa della dottrina cristiana

Da Wikipedia, l'ençiclopedia libara.
Dichiarazione più copiosa della dottrina cristiana
Dichiarazione più copiosa della Dottrina Cristiana.jpg
AutorRoberto Bellarmino
XenereCatechismo
Lengua orixenaƚeitałiano
Ano de publicasion1598


Dichiarazione più copiosa della dottrina cristiana (Declarasion pì granda de ła dotrina cristiana) ła xe na ópara catechistega scrita da el Cardinałe San Roberto Bellarmino in tel 1597 e aprovà da papa Clemente VIII inte ł'ano 1598[1].

Descrision[canbia | canbia el còdaxe]

Ł'ópara ła xe conpòsta «par doprarła a cui che insegna ai toxeti e altre parsone senpłighe, fata in forma de discorere»[2]; struturà in 22 capitołi, co 273 dimande e resposte, ła xe pi granda de ła Dottrina cristiana breve, scrita prima da el stoso autor. Invese inte ła Dottrina cristiana breve ła formułaxion de łe «domande łe xe fate da el mestro e tanto curte»[3]« inte ła Dichiarazione pì granda o catechismo majore eł metodo eł xe raverso: łe dimande łe xe fate da eł desepoło eł mestro el responde justo, ma co tanta precixion, ciaresa e copia de dotrina, da restrar meravejà. Ste resposte łe ga da servir ciaramente a ła baxe de ła łesion de Catechismo a el popoło e el Bellarmino el ga profità de destirare de i catechismi fati ai fradei Cogitóri»[4].

In tel mondo se doprava i catechismi de San Roberto Bellarmino Dottrina cristiana breve e Dichiarazione più copiosa della dottrina cristiana conpagnà da on breve de papa Clemente VIII, xe sta fata ła traduxion in tante łengue[5] e dopo doprà come catechismo da ła Cexa Catòłega[6] par tri secołi[7][8].

Ìndexe[canbia | canbia el còdaxe]

Clemens Papa VIII
Benedictus PP. XIII
Introdusion
Orasion, che se dixe ał prinsipio de insegnar Dotrina
Dichiarazione più copiosa della dottrina cristiana
I Cosa ła xe ła Dotrina Cristiana
II Declarasion deł ségno de ła Cróxe
III Declarasion deł Credo
IV Declarasion de ł'Orasion mentałe
V Declarasion de ł'Ave Maria
VI Declarasion dei Comandamenti
VII Declarasion Comandamenti de ła Cexa
VIII Declarasion dei Conseji vanxełeghi
IX Declarasion dei Sacramenti de ła Santa Cexa
X De łe vertù in xenere
XI De łe vertù teołogai
XII De łe vertù cardinai
XIII De i sete Regai del Spirito Santo
XIV De łe oto Beatitudini
XV De łe sete òpare de mixericòrdia corporai e spirituai
XVI De visi e pecai in xenere
XVII Deł pecà orixenałe
XVIII Deł pecà mortałe, veniałe
XIX Dei sete pecai Capitali
XX Dei pecai contro eł Spirito Santo
XXI Dei pecai che siga in cieło
XXII Dei cuatro novisimi
Ìndexe

Edixion[canbia | canbia el còdaxe]

Notasion[canbia | canbia el còdaxe]

  1. (IT) Roberto Bellarmino, Prefazione, in Il Catechismo. Breve dottrina cristiana e Dichiarazione della dottrina cristiana, Fratelli Calvi, 1941, XIX.: «Inte el 1597 il P. Bellarmino veniva chiamato a Roma da Clemente VIII a sostituire in qualità di teologo consultore del Papa, il defunto Card. Francesco Toledo. È all'attività di questo periodo della vita del Santo che risalgono il piccolo e il grande Catechismo che il Bellarmino scrisse dietro preghiera del Card. Francesco Maria Tarugi e par ordine del Papa. Il prezioso libretto - l'opera senza dubbio la più diffusa e tra le più benefiche di quante ne uscirono dalla penna del Santo - fu steso nelle due parti inte el 1597-1598, anno inte el cuało uscì stampato interamente, e accompagnato da un Breve di Clemente VIII»; si veda anche la sezione Edizioni
  2. (IT) Roberto Bellarmino, Dichiarazione più copiosa della dottrina cristiana, Pietro Aureli, Stampatore e libraio Con licenza de' Superiori e Privilegio, 1842, p. 7.
  3. (IT) Roberto Bellarmino, Prefazione, in Il Catechismo. Breve dottrina cristiana e Dichiarazione della dottrina cristiana, Fratelli Calvi, 1941, p. XIX.
  4. (IT) Roberto Bellarmino, Prefazione, in Il Catechismo. Breve dottrina cristiana e Dichiarazione della dottrina cristiana, Fratelli Calvi, 1941, pp. XIX-XX.
  5. (IT) Roberto Bellarmino, Prefazione, in Il Catechismo. Breve dottrina cristiana e Dichiarazione della dottrina cristiana, Fratelli Calvi, 1941, pp. XX.: «Nessun libro forse, scrisse il P. Fiacchi, eccetto il Vangelo e l'Imitazione di Cristo, ebbe mai l'onore di tante versioni come il Catechismo del Bellarmino. Si contano del piccolo Catechismo in 56 lingue, dalle più dotte alle meno conosciute»
  6. (IT) Roberto Bellarmino, Prefazione, in Il Catechismo. Breve dottrina cristiana e Dichiarazione della dottrina cristiana, Fratelli Calvi, 1941, pp. XX.: «Il Breve pontificio che lo accompagnò, lo impose nelle diocesi dello Stato pontificio, augurandosi inoltre che tanti Vescovi lo adottassero par le loro diocesi e ciò avvenne in tal misura par cui si poté pensare un tempo che il Catechismo del Bellarmino stesse par diventare il Catechismo universale della Chiesa Cattolica»
  7. (IT) Roberto Bellarmino, Prefazione, in Il Catechismo. Breve dottrina cristiana e Dichiarazione della dottrina cristiana, Fratelli Calvi, 1941, XVII-XVIII.:«Par di più S. Roberto Bellarmino insieme con S. Carlo Borromeo veniva da S.S. Pio XI di v.m. con Breve del 26 aprile 1932 dichiarato Patrono non solo dell'Arciconfraternità Romana della Dottrina cristiana ma di "tutte le altre Opere di istruzione religiosa esistenti par tutto il mondo". In detto Breve la Santità del Papa, dopo aver ricordato i meriti insigni di S. Carlo, così si esprime a proposito del Bellarmino: "Il Santo «Maestro delle controversie» poi, oltre alle altre opere di insigne sapienza, par le quali va meritamente celebre nella Chiesa di Dio, compose quell'aureolo catechismo, che dal giudizio di Sommi Pontefici e di numerosi Vescovi e dall'uso di circa tre secoli ze stato così ampiamente raccomandato ed approvato che giustamente lo si può ritenere come modello della catechesi"».
  8. (IT) Roberto Bellarmino, Prefazione, in Il Catechismo. Breve dottrina cristiana e Dichiarazione della dottrina cristiana, Fratelli Calvi, 1941, XXIV.:«Di esso ze fatto pure grande lode inte el decreto col quale S. Roberto Bellarmino ze dichiarato Dottore della Chiesa Universale: "Né si deve tacere delle opere catechetiche specialmente di quel Catechismo che l'uso dei secoli e il giudizio di tantissimi Vescovi e dottori della Chiesa avvalorò. In quel Catechismo, composto par ordine di P.P. Clemente VIII, l'insigne Santo teologo espose la verità cattolica ad uso del popolo cristiano e specialmente dei fanciulli con stile facile con tanta chiarezza ed esattezza ed ordine, che par quasi tre secoli servì ad offrire fruttuosissimo alimento di dottrina cristiana al popolo in tante regioni d'Europa e del mondo".»

Bibliografia[canbia | canbia el còdaxe]

  • (IT) Roberto Bellarmino, Il Catechismo. Breve dottrina cristiana e Dichiarazione della dottrina cristiana, Fratelli Calvi, 1941.

Voxe corełade[canbia | canbia el còdaxe]

Altri projeti[canbia | canbia el còdaxe]

Controło de autoritàVIAF (EN178616568 · LCCN (ENn80066695 · GND (DE1037356608 · NLA (EN35225746 · WorldCat Identities (ENn80-066695
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikipedia.org/w/index.php?title=Dichiarazione_più_copiosa_della_dottrina_cristiana&oldid=1054314"