Complot contra la Iglesia

Da Wikipedia, l'ençiclopedia libara.
Jump to navigation Jump to search
Complot contra la Iglesia
StPetersDomePD.jpg
AutorMaurice Pinay (pseudonimo)
Lengua orixenaƚespagnoło
Xeneresajo reƚigioxo
Ano de publicasion1962


Complot contra la Iglesia (Conploto contro ła Cexa) eł xe on sajo scrito in tel 1962, doprando el pseudonimo Maurice Pinay, da dei catołisi mèsegani, tra sti chi el teołogo Joaquín Sáenz y Arriaga[1][2]. El łibro xè tanto critego contro el Conciłio Vatican II, el xè popołare in tei catòłeghi tradisionałisti e in particołar i sedevacantisti.

Apertura de eł Vatican II.

Fin e contenuo[canbia | canbia el còdaxe]

Ł'autor, dopo ben 12 mixi de łaoro, el ga scrito l'ópera in ocasion de l'evento de el Conciƚio Vatican II, el xè sta distibuio ai pari conciłiari col el fin de fare capire el mesajo. Se trata de far savere ai leturi de miterłi in guardia de ła mediasion de cualche menbro de ła gerarchia eclesiastega con l'axion ebraega pa aver na dichiarasion in favor de i ebrei al Conciłio in tel sistema che la Cèxa ła se meta in contradixion 19 secołi de infalibiłità pontificia. Vien indicà i nemighi de ła Cèxa de Roma e i sostinituri del conploto el comunismo, ła masoneria el protestantesimo[3].

Note[canbia | canbia el còdaxe]

  1. (IT) Sodalitium N.56 Numero Speciale: risposta al Dossier sul Sedevacantismo anno 2003 pag. 12-13 «Faccio allusione al libro Complotto contro la Chiesa, pubblicato sotto lo pseudonimo di Maurice Pinay; la sua prima edizione - quella italiana - data del 1962 e fu distribuita a tutti i Padri Conciliari nell'ottobre dello stesso anno, dopo 14 mesi di lavoro da parte degli autori»
  2. (IT) Sodalitium N.56 anno 2003 pag.38 nota 19 «[...] Padre Saènz dottore in filosofia e teologia, faceva parte del gruppo che editò il libro Complotto contro la Chiesa. Il suo "sedevacantismo" fu quindi "preventivo"!».
  3. (IT) Sodalitium N.56 Numero Speciale: risposta al Dossier sul Sedevacantismo anno 2003 p. 13 «Il libro in questione denuncia le trattative in corso tra il Card. Bea (incaricato da Giovanni XIII) e la autorità giudaiche (particolarmente il B'nai B'rith) per ottenere dal Concilio appena convocato una dichiarazione in favore del giudaismo. Questa dichiarazione avrebbe ottenuto lo scopo di mettere il Vaticano II in contraddizione con il Vangelo, il consenso unanime dei Padri e diciannove secoli di magistero infallibile della Chiesa. I giudei vogliono che in tal modo la santa Chiesa contraddica se stessa, perdendo autorità sui fedeli, perché evidentemente proclameranno che un'istituzione che si contraddice non può essere divina (p.XIX).

Edision[canbia | canbia el còdaxe]

Bibliografia[canbia | canbia el còdaxe]

  • Sodalitium.

Vose coredà[canbia | canbia el còdaxe]

Linganbi foresti[canbia | canbia el còdaxe]

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikipedia.org/w/index.php?title=Complot_contra_la_Iglesia&oldid=860421"