Sedevacantismo

Da Wikipedia, l'ençiclopedia libara.
Jump to navigation Jump to search
Stema de ła Santa Sede teł periodo de ła sede vacante.

El sedevacantismo (dal latin: «ła Sede (apostołega) ła xe vacante»[1][2][3][4]) ła xe na poxision teołoxega e corente rento el catołicèsimo tradisionałista che ła sostien che sìpia stà l'ultimo Vicario de Cristo Pio XII, cuiłi vegnesto drio no i xe papi ma abuxivi o antipapi, parchè i ga spoxà l'erexia del modernismo co łe diretive nòve del Conciłio Vatican II[1][2][3][4]. I sedevacantisti i crede in te l'infałibiłità pontificia e in tel primato del Somo Pontefice ma ciaramente no i roconose ste sinbołoxie a cuiłi vegnesto dopo Pio XII[1][2][3][4].

Storia[canbia | canbia el còdaxe]

I pari conciłiari in Piasa San Piero eł giorno che i ga verto el Conciłio.
Sáenz Arriaga 'nteł marzo 1966.

Cuando se ga verifigà e Conciłio Vatican II (1962-1965) xe sta aprovà dei documenti che - da parte de serti catołeghi - i contradia el maxistero de ła Cèxa Catòłega de prima; dei grupi de łaici e preti on pò da tuto el mondo prinsipalmente da l'Merica latina i ga scomisià de parłare de ła perdità de l'urorità del papato da parte dei vertighi de ła Cèxa. Xe sta stanpà vołantini el łibro Complot contra la Iglesia e recapità anca ai pari conciłiari[5]. Eł primo a parłar ciaramente de Sede vacante xe stà el Jexuita mèsegan Joaquín Sáenz y Arriaga[6] (scomunegà in tel 1972) che cosita el ga intitołà in tel 1973 el łibro Sede Vacante. Paulo VI no es legittimo Papa[7][8].

Łe varie diferense tra i altri tradisionałisti łe xe dite in te ła voxe catòłeghi tradisionałisti.

Maxistero de ła Cèxa catòłega che i se baxa i sedevacantisti[canbia | canbia el còdaxe]

Ritrato de papa Paolo IV te ła Baxełega de San Paolo fuora łe mura a Roma.

I se baxa in tei scriti de Santi e documenti de ła Cèxa Catòłega de secołi prima come:

  • Ła boła pontificia Cum ex apostolatus officio datà el 15 de marso 1559 de papa Paolo IV ła dixe:« [...] se vien in cualsiasi tenpo che el papa el canbia ła fede catòłega o el sìpia cascà in cualche erexia prima de diventar papa, sta ełesion anca se fata col consenso patòco de tuti i cardinałi ła xe invaiłda e sensa efèto, no ła pol dirse valida, o no ła połe tenerse lexitima in cualche maniera, o esere ritenesto a costóri cualche poder de aministrare in te łe materie sìpia spirituałi che tenporałi; ma cualsiasi roba dita, fata o stabiłia da costòri ła xe sensa forsa e no ła da in ogni caxo nesuna utorità o dirito a nesun par el fato steso (eo ipso) e sensa che ghe sìpia richiesta nesuna dichiarasion i xe sensa ogni dignità, posto, onore, titoło, utorità, ufìcio, e poter»[1][9][10].
San Roberto Bellarmino Vescovo, Cardinałe e dotore de ła Cèxa.
Sant' Alfonso Maria de' Liguori Vescovo e dotore de ła Cèxa: scritore, poeta, pitor e muxicista.
  • El cardinałe Dotore de ła Cèxa San Roberto Bellarmino el ga scrito in tel De Romano Pontifice:« on papa che el sìpia on eretego patòco, par sto fato el moła de eser papa e capo, parchè a causa de sto fato el moła de eser on cristian e fare parte de ła Cèxa. Cuesto el xe el judìsio dei antighi pari che insegna che i ereteghi patòchi i perde sultio ògni giurisdision»[1][11][12].
  • El vescovo Dotore de ła Cèxa Alfonso Maria de' Liguori in tel łibro Verità della Fede el ga scrito, riferio a cuel che ga scrito Roberto Bellarmino: «che dopo serti papi i sìpia cascà in erexia, cuanchedun ga sercà de provarlo, ma no i xe mai sta boni de provarlo, e janca ło provarà; e noaltri ciaramente provemo el rovèrso in te ła fine del Cap. X. Ma, se Dio, el permetese che cualche papa el fose on eretego ostinà, el moła de eser papa, el perderia el pontificato. Ma sel fose eretego sconto, e no el favorise on dogma sbaglià in te ła Cèxa, łora no el faria nisùn dan a ła Cexa, ma dovemo justamente imaxenare, come dixe el cardinal Bellarmino, che Dio no el permete mai e ghanca el permeterà che on dei Papi, anca come omo privato, el diventase eretego né pubłico né sconto»[13][14].
  • El teołogo e fiłoxofo Joani de San Tomaxo (1589-1644) el ga dichiarà che: «on papa no se połe rimovare o farghe perdere el pontificato, ma a do condision, che łe xe: ła prima che l'erexia no ła sìpia sconta, ma publega e łegałixà; ła segonda che no el voja corègerse e ostinà in erexia»[15].
  • Serti sedevacantisti i cita el Canone 188, §4, del Codex Iuris Canonici del 1917 aprovà da papa Benedetto XV: «Cualsiasi uficio el xe vacante ipso facto [par el fato steso] par tasuda rinunsia e sensa che ghe sìpia nesuna dichiarasion»[1][16].

Corenti sedevacantiste[canbia | canbia el còdaxe]

I sempliciter[canbia | canbia el còdaxe]

I sedevacantisti texisti o sedeprivasionisti[canbia | canbia el còdaxe]

Search ballonicon2.svg Par savèrghene de pì, vardarse ła voxe Texi de Casiciacum.

Altre corenti[canbia | canbia el còdaxe]

  • El concłavismo  o conclavisti no i riconose i papi che sostien el Vatican II e i vede ła necesità de farghine altri nasendo antipapi moderni[20][21][22].
  • I Catholic home alone (cosita ciamà in inglexe) i riconose come ultimo papa Pio XII e invałidi i ati de cuei vegenesto dopo che i ocupa ła sede Vaticana. No i riconose nesun ministo tradisionałista parchè nesun de costoro, secondo ła su interpretasion del Codexe de Dirito Canonego (1917), i xe sta istituii in tel rispeto dei canoni. A cauxa de cuesto i riconose uneghi sacramenti posibiłi eł batexo, maridauro (canone 1098). Par fare ła confesion in tel caxo che i sìpia drio morire i pol nare da ministri tradisionalisti o ortodosi che i gapia i urdini vałidi (canone 882). Al de fora de sto caxo no i ritien vałida ła confesion parchè sti ministri no i ga giurisdision par ła vałidità de sto sacramento. I xe diti "home alone" proprio parchè no gavendo ministri i prega a caxa da sułi e no i va ciapare sacramenti in tei posti publighi[23][24][25]. On conportamento che someja ai Catholic home alone overosìpia l'astension dei sacraminti el vien prategà da altre tendense tradisionałiste per motivasion de distansa che i se ciapa in te l'inposibiłità de asister a riti tridentini. I altri tradisionałisti i se apeła al stato de necesità e secondo ła so interpretasion del Codexe el autorixa trapasare ła łetera rispetando el spirito tenendo in vigor ła lexe Salus animarum, prima et suprema lex e i ciapa ato che in tel mondo secorałixà de deso el riscio de morte "spirituałe" xe prexente de pì che in pasà.[26].

Notasion[canbia | canbia el còdaxe]

  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 1,4 1,5 Mark A. Pivarunas. Il Sedevacantismo. Lingambo vardà el 18 febbraio 2017.
  2. 2,0 2,1 2,2 Emanuele Dal Medico, All'estrema destra del padre: tradizionalismo cattolico e destra radicale, Ed. La Fiaccola, 2004. :«Il sedevacantismo è la posizione teologica dei cattolici tradizionali che credono nel papato, nell'infallibilità e nel primato del pontefice, e tuttavia non riconoscono l'attuale vicario di Cristo come vero papa. Il termine "sedevacantismo" è composto da due parole di origine latina che significano "la Sede (apostolica)" è vacante e si riferisce al periodo della cosiddetta «Sede vacante» del Vaticano alla morte di un pontefice; i sostenitori di tale tesi disconoscono gli ultimi quattro papi del secolo scorso che non risulterebbero «validi»: Giovanni XXIII, Paolo VI, Giovanni Paolo I e Giovanni Paolo II. I sedevacantisti riconoscono soltanto come ultimo Sommo Pontefice regolarmente eletto Pio XII Pacelli; quelli che dal 1958 seguirono sul trono di Pietro, altro non sarebbero che «abusivi».
  3. 3,0 3,1 3,2 Elena Percivaldi, Parte sesta. Uno sguardo sull'età contemporanea - Le critiche al Concilio Vaticano II: tradizionalisti, sedevacantisti, sedeprivazionisti in Gli antipapi. Storia e segreti, Newton Compton Editori, 2014. : «[...] per loro la Sede Apostolica è da considerarsi appunto "vacante" a partire dal Concilio Vaticano II e quindi occupata , da allora, da pontefici abusivi. L'ultimo pontefice regolare eletto e valido è dunque Pio XII (1939-1958), che morì appunto prima del concilio: tutti gli altri non sono riconosciuti.
  4. 4,0 4,1 4,2 Francesco Saverio Venuto, La recezione del Concilio Vaticano II nel dibattito storiografico dal 1965 al 1985. Riforma o discontinuità?, Effatà editrice, 2011. :«[...] la posizione dei "Sedevacantisti", vale a dire con tutti coloro che sostengano che il pontefice, per il fatto di aver ratificato un Concilio eretico rispetto alla Tradizione, sarebbe diventato egli stesso eretico implicando, di fatto, la vacanza della sede di Roma.
  5. (IT) Sodalitium N.56 Numero Speciale: risposta al Dossier sul Sedevacantismo anno 2003 pag. 12-13 «Faccio allusione al libro ' ' Complotto contro la Chiesa' ', pubblicato sotto lo pseudonimo di Maurice Pinay; la sua prima edizione - quella italiana - data del 1962 e fu distribuita a tutti i Padri Conciliari nell'ottobre dello stesso anno, dopo 14 mesi di lavoro da parte degli autori».
  6. (IT) Sodalitium N.56 anno 2003 pag.38 nota 19 «[...] Padre Saènz dottore in filosofia e teologia, faceva parte del gruppo che editò il libro Complotto contro la Chiesa. Il suo "sedevacantismo" fu quindi "preventivo"!».
  7. (ES) Joaquín Sáenz y Arriaga, Sede Vacante: “Paulo VI no es legítimo papa”, Editores Asociados S. de R.L.Colección “Actualidad Político Social”, 1973.
  8. (IT) Con testi di Mons Guèrard des Lauries, Introduzione al problema dell'autorità don Francesco Ricossa IV. Il problema dell'autorità: storia, posizioni e soluzine in Il problema dell'Autorità e dell'episcopato, Centro Librario Sodalitium, 2005. : «Nello stesso tempo, ma nel Messico dei "Cristeros" si leva la voce del Padre Joaquìn Sàenz y Arriga, gesuita e fondatore della Union Catolica Trento. Anch'egli rifiuta l'insegnamento del Vaticano II e scrive nel 1966:"La Noeva Iglisia Montiniana" a cui farà seguito, nel marzo 1973, un libro voluminoso e dal titolo eloquente: "Sede Vacante. Paulo VI no es legittimo Papa". L'autore vi sostiene che Paolo VI (G.B. Montini) non è Papa legittimo ma antipapa, o perché al momento dell'elezione svoltasi canonicamente non era soggetto capace per precedere eresia o perché, realmente eletto, ha perso il pontificato per la sua personale eresia, specialmente approvando il Concilio e la nuova messa».
  9. (IT) Bolla di Papa Paolo IV Cum ex apostolatus ufficio (punto 6 - Nullità della giurisdizione ordinaria e pontificale in tutti gli eretici). Lingambo vardà el 18 febbraio 2017.
  10. (IT) Il Nuovo Osservatore Cattolico' - II semestre 2004 - N.23 - pag. 5 "La costituzione apostolica cum ex apostolatus officio.
  11. (IT) San Roberto Bellarmino, 30 in De Romano Pontifice,
  12. (EN) Robert Bellarmine. On the Roman Pontiff an extract from St Robert Bellarmine, De Romano Pontifice, lib. II, cap. 30. Lingambo vardà el 18 febbraio 2017.
  13. (IT) Alfonso Maria de' Liguori. Verità della Fede CAP. VIII, punto 8. Lingambo vardà el 18 febbraio 2017.
  14. (IT) Alfonso Maria de'Liguori, Parte Terza Cap. VIII. Si prova che i pontefici romani sono successori di s. Pietro colla stessa podestà che a s. Pietro fu concessa in Verità della Fede, , 1767.
  15. Giovanni di San Tommaso, Cursus theologicus.
  16. (IT) PII Pontificis Maximi Benedicti Papae XV, Pars Prima. De Clericis in Genere. Caput II De amissione officiorum ecclesiasticorum in Codex Iuris Canonici, Romae, Types Polyglottis Vaticanis, MCMXVIII. 39
  17. (EN) The Roman Catholic 1995 pag. 5 Bishop Alfred F. Mendes and the consecration of bishop Clarence Kelly.
  18. (EN) Bishop Clarence Kelly. Lingambo vardà el 9 marzo 2016.
  19. (IT) Ukrainean Orthodox Greec Catholic Church (sito ufficiale in italiano). Lingambo vardà el 18 febbraio 2017.
  20. (IT) Tradizionalisti e sedevacantisti. 28 aprile 2014. Lingambo vardà el 1º maggio 2015.
  21. (IT) Papiade, punto 4 - Sedevacantisti. Lingambo vardà el 18 febbraio 2017.
  22. (IT) Elena Percivaldi, in Gli antipapi. Storie e segreti, 2014, Newton Compton Editori, Parte sesta. Uno sguardo sull'età contemporanea - Gli "antipapi" del secolo breve, p. 353 a 361.
  23. (EN) The Church Betrayed. Lingambo vardà el 9 marzo 2016.
  24. (FR) Te Deum. Lingambo vardà el 9 marzo 2016.
  25. (IT) Elena Percivaldi, Gli antipapi. Storie e segreti, 2014, Newton Compton Editori, Parte sesta. Uno sguardo sull'età contemporanea - Le critiche al Concilio Vaticano II: tradizionalisti, sedevacantisti, sedeprivazionisti, p. 352.
  26. (IT) Moises Carmona. In Difesa della mia Consacrazione Episcopale. 18 maggio 1982. Lingambo vardà el 9 marzo 2016.

Bibliografia[canbia | canbia el còdaxe]

  • (IT) Con testi di Mons Guèrard des Lauries, Il problema dell'Autorità e dell'episcopato, Centro Librario Sodalitium, 2005, ISBN 88-89596-11-2.
  • (IT) Emanuele Dal Medico, All'estrema destra del padre: tradizionalismo cattolico e destra radicale, Ed. La Fiaccola, 2004.
  • (IT) Francesco Saverio Venuto, La recezione del Concilio Vaticano II nel dibattito storiografico dal 1965 al 1985. Riforma o discontinuità?, Effatà editrice, 2011.
  • (IT) Elena Percivaldi, Gli antipapi. Storia e segreti, Roma, Newton Compton Editori, 2014, ISBN 978-88-541-7152-7.
  • (IT) Il Nuovo Osservatore Cattolico.
  • (IT) Sodalitium.

Vose coredà[canbia | canbia el còdaxe]

Altri projèti[canbia | canbia el còdaxe]

Linganbi foresti[canbia | canbia el còdaxe]

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikipedia.org/w/index.php?title=Sedevacantismo&oldid=957442"