San Marco Vangełista

Da Wikipedia, l'ençiclopedia libara.
Va a: navigasion, serca
Da tradure
Sta pajina o sexion ła xè sta parsialmente tradota da ła łengua itałiana
Te pui contribuir finendo ła tradusion o doparando altre fonti. Nó sta doparar programi de tradusion automatega. Dopara Tradoto da có te ghe finio.
Se inte ła pajina de modifega te cati del testo sconto, controła che el sia ajornà servendote dei cołegamenti a łe «altre łengue» en fondo a ła cołona de sinistra.
No babelfish.svg


San Marco Vangeista el xè un de i quatro Vangeisti, la so opera la xè cìamada propio col so nome Vangeło secondo Marco. Se pensa ch'el gabìa sistìo a la catura de Gesù Cristo 'ntè l'orto de' i ulivi). De sicuro el fù disepoło del'apostoło Paolo e dopo anca de Piero.

San Marco Evangelista, Andrea Mantegna, 1448

Vita[canbia | canbia sorxente]

De ła só joventù e de ła fameja de proveniensa se sa póco o gnente. Dal Nóvo Testamento, ła soła fonte de informasion su de eło, savemø ch'el jera cuxin de Barnaba (col. 4/10) e che quindi l'era ebreo e de ła stirpe levìtica.

Inte i Ati de i Apostołi el vien nominà quando che Piero el vien miracołoxamente liberà da ła prixon (Ati 12,12) Dopo ver rifletùo, el xè ndà a ła caxa de Maria, só mare de Jovàni dito anca Marco, indove ghe jera un bon nùmaro de zente par pregar. Da sto scrito qua savemo che só mare ła se ciamava Maria e che in chel tempo el abitava a Jerusałeme. Se nota anca che Marco el gaveva do nomi, un zentiłe e un ebreo (Jovàni). Usansa comun par i ebrei de ch'el tempo, infati anca Paolo el vien ciamà co el nome de Saulo. In altri scriti de i Ati de i Apostołi el xe ciamà o co el nome de Jovàni o co queło de Marco o co tuti e do.

No ghe xe miga scriti che diga se Marco el gavése conosùo diretamente Gesù, ma se el'abitava in chel tenpo a Jerusałeme almanco el ga da vèrghene sentìo parlàrghene. De serto se sa che pochi ani dopo ła morte de Gesù, i apostołi e i disepołi i se catava in caxa de só mare. El fato ch'el sia el soło vangełista a contare de ła fuga de un zovineto ch'el gavea seguio da lontan i avenimenti de ła catura de Cristo intel'orto de i ulivi, (Marco 14.1/51.52) Un zovaneto però el ło seguiva, vestìo soło de un teło, e i ło ferma. Ma eło, łasà el ninsoło, el xe scanpà via nuo; fa pensar che el fuse eło steso el zovineto nominà.

Da ła prima łétara de Piero: Ve sałuda ła comunità che xe stà ełeta come voaltri e che vive Babilonia; e anca Marco, mé fiol. Podémo capir che 'l se catava co łu a Babilonia e che dato che 'l vien indicà come mé fiol el ga da ver ciapà el batizo propio da Piéro.

Dai Ati capimo anca che 'l parte par Antiochia insieme co Paolo e co só cuxin. El vien indicà come aiutante de Paolo quando che eło el predicava e'l difondéa ła paroła del Signor a Salamina (Cipro) (Atti 13/5). Pi vanti, i atti i ne cónta che l'abandona Paolo, forse parché el xe spaventà da łe durìsime fadighe dei spostaminti de l'apostoło o da l'ostiłità senpre pi granda che 'sto qua el catava. Partìi in nave da Pafo, Paolo e i só conpagni i xe rivài fin Perge de Panfilia. Jovani el se ga destacà dal grupo e l'è tornà Jerusaleme par cónto suo (Atti 13/13). In seguito ała so defesion Pagoło, partendo par consołidar łe cexe deła Siria e deła Cilicia, el se ga sielto come conpagno Silla mentre Marco el xe partìo con so cuxin par Sivro (Atti 15/37.41). Questo accadde del 52. Negli Atti queste sono le ultime indicazioni che troviamo dell'evangelista. In seguito Paolo dovette dimenticare questi dissidi in quanto ritroviamo Marco a fianco dell'apostolo a Roma nel 62 64, ne abbiamo notizia da una lettera di Paolo: Vi saluta Aristarco, il mio compagno di prigione, e Marco, il cugino di Barnaba (intorno al quale avete ricevuto ordini; qualora venisse da voi, ricevetelo), e Gesù detto il Giusto, i quali sono della circoncisione; fra questi sono i soli miei collaboratori per il regno di Dio, in quanto mi sono stati di consolazione (4, 10s).

Qualche anno più tardi lo ritroviamo in compagnia di Pietro che lo cita nella sua prima lettera come indicato in precedenza. Questo dimostra la sua grande attività svolta negli anni cinquanta non solo a Cipro. Forse rientrato in oriente prima della persecuzione scatenata da Nerone nel 64 ma Paolo nel 66 lo rivuole con sè. Come indicato nella sua lettera a Timoteo:Affrettati a venire da me al più presto... Solo Luca è con me. Prendi Marco e conducilo con te, perché mi è utile per il ministero (2 Tim. 4, 9-11).

Dopo la morte a Roma del principe degli Apostoli, non vi sono più notizie certe su Marco. La tradizione lo vuole evangelizzatore in Egitto e fondatore della chiesa di Alessandria che lo vuole come suo primo vescovo. Non vi sono notizie certe su dove, come e quando morì. Eusebio sostiene che la sua morte sia avvenuta a Alessandria, dove venne ucciso facendo trascinare il suo corpo per la città, questa versione dei fatti viene riportata anche nella Legenda Aurea.

I so resti i xe sta trafugà dai venesiani 'ntel 828 e portà a Venesia dove pochi ani dopo a xe scuminzià i laori par ła costrusion deła Basełega de San Marco. El vien festejà dała ciesa catolega el 25 de apriłe.

El sinboło del leon[canbia | canbia sorxente]

Exquisite-kfind.png Par saverghene de pì, varda ła pajina Leòn de San Marco.
Particołar del Leon de San Marco da na Bandiera del 1848 ricamada e piturada
El "Leon de San Marco" a Venesia

Tuti quatro i Evanxeisti i ga un simboło che de sojto vien mostrà vissin al Santo nee piture e nee sculture. Sti simbołi xe asocià al Vangeo del Santo. El simboło de San Marco xe el Leon Alato, parchè el inisia el so vangeo coea voxe de San Giovani Batista che, in tel deserto, ea se alza come un rugito, disendo ai omani che xe drio rivare el Cristo.

El leon de San Marco vien rapresentà in diverse maniere: "andante", cioè in piè sue quatro sampe, come se el caminasse, e con un libro verto sotto ea sata dove che xe scrito "Pax Tibi Marce Evangelista Meus", opure in "moleca" che saria a dire incoata'.

Visto che San Marco Vangełista xe el Santo Patrono de Venexia, ea Serenissima gà dichiarà el leon come el so simboło. Par Venesia, ancha el libro deventava un simboło: de pace, quando che el gera mostrà verto; de guera quando che el gera sarà.

San Marco in te l'arte sacra[canbia | canbia sorxente]

San Marco Evangelista

Ea raffigurasion de San Marco la compare fin daea prima arte cristiana, co quea dei altri Evangeisti. San Girolamo (IV secolo) el disea come che se pol asociare i 4 evangeisti coi simboi del "tetramorfo" che i compare nelle profezie de Ezechiele, riciape dopo nee visioni de l'Apocalisse (El primo uman iera simile a un leon, el secondo de un vedeo, il terso de un leon, il quarto de un'aquila mentre che voea; i 4 i ga ciascun 4 ali, dentro e fora i se pieni de oci'). Nel schizo del V secolo – come se osserva par esempio dai mosaici dea Basilica de Santa Pudenziana a Roma - cosi co sti simboli i ga taca ad esere rappresentai i 4 evangeisti: San Marco ragion de tuto es xè rapresentà da un leon co le ale.
Sa co l'arte bisantina qualche mosaico par esempio quei de San Vidal a Ravenna i rappresentava, co 'n na man el vangeo e in staltra i soo simoi. Sta iconografia a xe deventà difuxisima nte l'arte romanica, po in quea gotica. Nte e cexe de chel tempo i quatro santi i vegneva speso pituradi su le vele de le volte a crociera, sentadi al scritoio, 'ntenti a scrivar i vangeli; altre olte nte 'n canton ghe xera anca i quatro Dotori de la Cexa. A olte se cata anca (ad es. ntei basorilievi che i fa belo el Batistero de Parma) la rafigurasion dei quatro santi che i par bestie orende, 'ndoe che su un corpo umano co le ale vien fora a testa del so simol.

E figure di Evanxeisti – e tra de lore quea de San Marco – e se vede po anca nte e rapresentasione dii Apostoli che catemo in ogni espresion de l’arte sacra. Un par de pale de altar le sprime na speçial devosion par San Marco, come a famosa tea de Tiziano ndo che ghe xe San Marco in Trono ntea cexa de Santa Maria dea Salude a Venezia.

Le storie de le vide dei santi e xera un impegno costante de l’arte sacra. De San Marco, patron di Venesia, catemo xà rafigurae sene dea so vita nei mosaici dea Basilica de San Marco (sec. XIII).
Ntel periodo rinasimentale, i episodi contadi nte a "Leggenda Aurea" i deventa sojeto par numarosi capolavori fati da artisti dea scola veneta. No se pol mia no ricordarae al manco a tea granda de Gentile e Giovanni Bellini ndo che ghe xe La predica di san Marco ad Alessandria, e anca e quatro tee de Tintoretto piturade par la Scola de San Marco a Venesia che e g'avea par sojeto Il Miracolo di San Marco che libera uno schiavo, San Marco salva un saraceno da un naufragio, Il trafugamento del corpo di San Marco, Il ritrovamento del corpo di San Marco.

Prèdecesòr: Vescovo di Alessandria Sucesor: [[File:{{{immagine}}}|30px]]
4262 Aniano I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con con con
{{{luogoprec}}} {{{dataprec}}} {{{luogo}}} {{{luogosucc}}} {{{datasucc}}}
{{{data}}} Aniano
nell'anno {{{dataprec}}} nell'anno {{{datasucc}}}