Santandrà

Da Wikipedia, l'ençiclopedia libara.
Jump to navigation Jump to search
Santandrà
frasion
Locałixasion
StatoItałia Itałia
RejonVèneto – stema Vèneto
ProvinsaTrevixo – stema Trevixo
ComunPojan
Teritorio
Coordinae45°44′44″N 12°12′15″E / 45.745556°N 12.204167°E45.745556; 12.204167 (Santandrà)Coordinae: 45°44′44″N 12°12′15″E / 45.745556°N 12.204167°E45.745556; 12.204167 (Santandrà)
Altitudine45 m s.l.m.
Abitanti1380
Altre informasion
Còd. postałe30150
Prefiso0422
Carte interative

Santandrà xe na frassion del comune de Pujan, in Provinsa de Treviso.

Geografia fisica[canbia | canbia el còdaxe]

Se trova a sud del capoluogo comunałe, visio a Viorba. Appena oltre el confin comunałe scorre el torrente Javara

Storia[canbia | canbia el còdaxe]

Ła presensa romana xe ancora testimoniada dai resti de una centurasion]: par esempio, l'attuałe via Baruccheŀa iera un decuman.

Santandrà a xe citada pà a prima volta in un diploma del 994, col quałe Ottone III concedeva a Rambaldo de Cołalto, conte de Treviso, dełe tere a nord deła Postumia. Dal 1231 a cappeła dipese dall'abbasia de Nervesa, ma nel 1344 risulta passada ała pieve de Pojan.

Sotto a Repubblica de Venessia, Santandrà a ga costituio una viła del quartier Campagna Inferiore parte deła podesteria de Treviso.

Monumenti e luoghi d'intaresse[canbia | canbia el còdaxe]

Architetture religiose[canbia | canbia el còdaxe]

File:Campanile di Santandrà 1930.jpg
El campaniłe de Santandrà nel 1930

Cesa parochiałe[canbia | canbia el còdaxe]

Di antica origine, fu ampliada ała fine dell'Ottocento

L'edificio se presenta esternamente couna facciata a capanna. Gli interni i xe a navada unica, co quattro altari laterałi e l'altare maggiore risalente al XVII secolo e rimaneggiato nel XVIII. Degna di nota xe ła pala Cristo morto, Sant'Andrea e altri santi.

El campanile el xe del 1910.

Architetture civili[canbia | canbia el còdaxe]

El tessuto urbano de Santandrà xe costituio da abitasioni basse a schiera allineałe lungo la strada prinsipałe (via Borgo Sant'Andrea). I emerse però alcuni palassi signorili che i xe distingue paa mołe e l'elegansa dełe linee.

Viła Mantelli, Genovese[canbia | canbia el còdaxe]

Detta altrimenti casa de Tasca, Bonan, nel XVII secolo a iera sede de un monastero benedettin cassinese dipendente daa abbasia di Nervesa. Nel Settecento l'immobiłe fu acquistà dała famiglia Mantełi de Venessia che ło convertì in dimora de campagna. Passò poi ai Tasca e ai Bonan.

Diffisiłe dare una visione unitaria del complesso che risente oggi de varie manomission, alcune legae al frassionamento deła proprietà.

Ła viła se innalsa su tre livei de cui l'ultimo el xe un sottotetto che xe stà successivamente rialsa. Al centro se trova el tipico volume conclusivo dee viłe venete, passante soi do fronti principali e coronato da un timpano. Sol lato sud le aperture del sopralso e xe delimitae da lesene, poggianti su una cornice modanata, a sua volta sostenuta da altre lesene più tosse co una seconda cornise sottostante. Le aperture e xe tutte architravae, tranne quee centrali del primo piano e del volume rialsà, ad arco.

Casa Menegassi[canbia | canbia el còdaxe]

Tra il Sei e il Settesento a xe stada dei Dolfin, mentre una parte a i era del monastero dei Ognisanti de Treviso. Passò in seguito ała contessa Menegaxi.

Su un lato della facciata principale si apre un grande portale carraio ad arco; qui si trovavano in origine i magazzini. Dall'altra parte, al primo piano, si apre una trifora centinata con colonnine e capitelli di ordine corinzio. Un tempo era delimitata da un balconcino in pietra, mentre oggi è chiusa da una brutta veranda di alluminio.

Casa Zanatta[canbia | canbia el còdaxe]

Risałe al XVIII secolo. In 'sto periodo, risultava del signor Mondicardo de Treviso.

Ła casa padronałe e gli annessi i xe allinea lungo via Treviso verso a nord. A sud, invece, e xe estendeva łe campagne, oggi urbanizzae. Ło spassio verde attorno al complesso e iera delimitato da un caratteristico muro di ciottoli e mattoni di cui resta un tratto.

Il corpo centrale el iera un sołido volume a pianta quasi quadrata, sviluppà so tre piani e concluso da na tetto a padilion poggiante sona cornixe dentełada. I do fronti i xe identici (i xe differixe par alcuni ornamenti giunti in epoca recente), fasendo intuir che gli interni i xe simetrici e tripartidi. Al sentro de ogni facciada se apre na copia de monofore con profiło centinà, delimitałe da poggiołi poco sporgenti. Come se pò osservar sol fronte nord, anca cheé altre aperture del primo piano, desso rettangolari, e iera ad arco

Casa Dal Gobbo[canbia | canbia el còdaxe]

Antico edificio abita nel XVIII secolo dai venessiani Franceschi. De iori iera lo stemma raffigurà suuna patera posta un tempo sora l'ingresso.

Casa Tesser[canbia | canbia el còdaxe]

Costrusion apparteniua ai nobiłi Careta nel Settesento. Un tempo, gli interni i era ornai affreschi.

Viła Bonisiol[canbia | canbia el còdaxe]

Altra abitasion storica a tre piani, a no xe pì abitabiłe parché pericołante. E resiste tracce de decorasioni sugli esterni

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikipedia.org/w/index.php?title=Santandrà&oldid=772502"