Francesco de Asizi

Da Wikipedia, l'ençiclopedia libara.


Francesco de Asizi
StFrancis part.jpg
Nasesto24 de xugno 1182
Moresto3 de otobre 1226
Ricorensa19 de marso e 4 de otobre
Raffigurazione di San Francesco d'Assisi in un affresco di Cimabue nella Basilica di Assisi

San Francesco de Asixi (Asixi, 1181 o 1182 - Asixi, 1226), patron de Itaja, el xe un de i santi pì venerà de ła Cexa Catòłega. El xe anca dito "el poareto de Sisa", ła sò tonba ła xe meta de pełegrinajo par desine de mijari de devoti ogni ano. Ła sità de Sisa ło gà asunto come simboło de paxe.

Jòvani, fioło de Pica e de Piero[canbia | canbia el còdaxe]

Francesco el nase intel 1181 o 1182 da Piero Bernardon de' Moriconi e dała nobiłe Pica Bourlemont, inte na fameja de ła borghesia siora emergente de ła sità de Asìxi. Ła so màre eła se sarìa ciamada contenta averghe meso el nome de Jòvani (dal nome del'apostoło Jòvani) ma el pàre lo cìamò Francesco, in onore de ła Fransa; ła fameja grasie ai comerci in Provensa eła jera rica e benestante.

Eła so casa, eła jera in mezo de ła sità, eła gaveva tacà un negosio e magazin par i tesuti ch'el marcante el se procurava co i so viaji in Provensa (Fransa). Piero el vendea eła so rica mercansia in tuto el teritorio del Dogado de Społeto ch'el conprendeva anca eła sità de Asìxi. Oncò al posto de ła bitasion dei Bernardoni, ghe xe eła Cèsa Nova, fata intel 1615 a spese del re Fiłipo de Spagna.

Francesco el xe sta batisà inteła cèsa, catedrałe dal 1036, tirada sù in onor del patrono de ła sità, el martire Rufin.

Ghe xe diverse biografie soła vita jovaniłe de Francesco che no pòe esar considerà del tuto fidabiłi, xe parò de rason pensar che el fuse stà indirisà dal pare a ciapar el so posto inte i afari de fameja.

Dopo de ła scoła da i canonisi de ła Catedrałe, che gavea spasio inteła cèsa de San Giorgio (quea che oncò xe deventà eła basiłica de Santa Chiara) a 14 ani el se ocupò deł'atività de comercio. Xe in sto periodo che, se fasìłe, el santo, zovane e rico marcante, el se rende conto del contrasto tra eła so richesa a rason de ła povertà dei poareti e miserabiłi che vivea in sità.

La guera[canbia | canbia el còdaxe]

Intel 1054 se ricorda de na prima guera tra Asìxi contra Perujia; tra łe do sità ghe xe tanta rivałità: Perujia xe guelfa, Asìxi invese, co Fołigno e Todi, eła xe ghibełina. Eła bataja pì famosa xe queła indove i asìxani xe sta batui a Cołestrada, visin de Perujia, intel 1202.

Anca Francesco, come tuti st'altri zovani, el conbate; ma el vien caturà e inprisonà par un an in prexon. Eła prisonia sarà par eło na esperiensa fondamentałe. Se dixe che eła partesipasion ai conbatimenti, eła vista de feriti e de mutiłasion, el'odor repełente de morti asà a marsir par tera, eło terorisa tanto che el ripensarà a tuto el so modo de vivar. Xe in sto modo ch'el scumisia ad sentir queła ch'eło ciama "l'esijensa insoprimibiłe de paxe donà da Cristo",

Eła guera finise intel 1203 e Francesco otien eła libartà grasie a on tratato so i prisioneri de guera che, in caso de małatia, i gaveva da eser liberai drio el pagamento di un riscato.

Francesco, na olta tornà a casa, el recupara in ciantin ała olta eła sałute pasando tante ore intełe tegnue del pare. Sti posti sconti fa in modo de risvejare in eło un asołuto e totałe amor par eła natura, che eła considara na opara mirabiłe de Dio.

El desiderio de justisia eło porta l'anno dopo (1204-1205) a tentar eła strada de ła crociata. Se trata de ndar a Lece ała corte de Gualtieri de Brienne, par movarse co i altri cavałieri ała olta de Jerusałeme. Partecipar come cavałiere a na crociata jera al ch'el tenpo un de pì alti onori par i cristiani de ponente. Tutavia rivà a Społeto el se mała oncora e così el torna casa convinto, come el contarà indopo, anca da na rivełazione noturna.

San Damian[canbia | canbia el còdaxe]

Na vista de panorama de Asìxi

Indopo dei fati de ła guera Francesco el jera conbià, el se compagnava speso còi poareti che domandava eła carità e strasoni. A Roma, indove ch'el vien mandà dal pare a vendare na partia de mercansia, el distribuìse i schéi guadagnà ai poareti, e anca el fa cambio col vestio de un ch'el domandava eła carità che el si mete anca eło a domandar inansi eła porta de San Piéro.

Da quando po, intel 1205 pregando inteła cexeta de San Damian el gà sentìo parlar el Crocefiso, i sitadini de Asìxi i pensava ch'el gavese dà de mato o ch'el se fuse małeà de na influensa małigna. A so dir, dała croce, eła vose del Cristo, ghe gavea dito par tri olte: "Francesco, va' e justa eła me casa che, come che te vedi, eła xe tuta in roina".

Dopo quell'episodio le "stranezze" del giovane si fanno più frequenti: Francesco fa incetta di stoffe inte el negozio del padre e va a Foligno a venderle, vende anche il cavallo, torna a casa a piedi e offre il denaro ricavato al sacerdote di San Damiano. Pietro di Bernardone ze furente; molti ad Assisi sono solidali con quel padre che vede tradite le aspettative: ze una vergogna par l'intera famiglia. Pietro cerca, all'inizio, di segregare Francesco par nasconderlo alla gente. Poi, vista la sua impotenza di fronte all'irriducibile "testardaggine" del figlio, decide di denunciarlo ai Consoli, non tanto par il danno econòmego subito, quanto piuttosto con la segreta speranza che, sotto pressione della pena del bando dalla città, il ragazzo cambi atteggiamento. Il giovane, parò, si appella ad un'altra autorità: fa ricorso al Vescovo, in forza di una bolla del papa Innocenzo III, nella quale si afferma che nessun religioso può essere giudicato senza il consenso del suo superiore. Lui che, affidatosi ormai alle cure del sacerdote di San Damiano, si considera uomo di Chiesa, può essere giudicato solo da autorità religiose.

Il proceso si svolge inte el mese di xenaro (o febraro) del 1206, all'aperto, sulla piazza di Santa Maria Maggiore, davanti al palazzo del Vescovo; tutta Assisi ze presente al giudizio.

Le agiografie del santo riportano che durante il processo il padre urla, si lamenta, chiede giustizia. Il figlio, non appena il padre finisce di parlare non sopporta indugi o esitazioni, non aspetta né fa parole; ma immediatamente, depone tutti i vestiti e li restituisce al padre (...) e si denudò totalmente davanti a tutti dicendo al padre: -Finora ho chiamato te, mio padre sulla terra; d'ora in poi posso dire con tutta sicurezza: Padre nostro che sei nei cieli, perché in lui ho riposto ogni mio tesoro e ho collocato tutta la mia fiducia e la mia speranza. Francesco dà così inizio ad un nuovo percorso di vita. Il vescovo Guido lo copre pudicamente agli sguardi della folla (pur non comprendendo appieno quel gesto plateale) e, con quest'atto di manifesta protezione, lo accoglie nella Chiesa.

On omo novo[canbia | canbia el còdaxe]

Da omo novo Francesco scomisia el so viajo. Agli inizi del 1207 parte par Gubbio. È inverno e probabilmente c'era molta neve. Man mano che si allontana dal territorio di Assisi, Francesco si espone all'attacco delle bande di briganti: sono gruppi di mercenari, privi di scrupoli, spesso al soldo del miglior pagante. Infatti, poco prima di Caprignone, poco dopo Valfabbrica (non tutti gli studiosi sono concordi nell'identificare il luogo dell'accaduto) gli viene sbarrata la strada. Alla domanda su chi sia, Francesco risponde: "Sono l'araldo del Gran Re; vi interessa questo? Quelli lo perquotono e lo gettano in una fossa piena di neve, dicendo: -Stattene lì, zotico araldo di Dio! Ma egli, appena i briganti sono spariti, balza fuori dalla fossa e, tutto giulivo, riprende a cantare a gran voce, riempiendo il bosco con le lodi del Creatore di tutte le cose". Discusion varie ruotano anche attorno al monastero che ha accolto il Francesco dopo l'aggressione. Alcuni indicano Santa Maria di Valfabbrica, altri San Verecondo de Spissis (oggi Vallingegno). Dal monastero (dove ze stato sbattuto in cucina a fare lo sguattero) Francesco riparte quasi subito. Il viaggio si snoda par circa 40 chilometri attraverso le colline dell'Appennino centrale, fino a raggiungere le pendici del monte Ingino. Il giovane ha da sempre qui diversi amici. Uno di essi ze Federico Spadalonga che lo accoglie benevolmente. A Gubbio Francesco "amante di ogni forma di umiltà, si trasferì presso i lebbrosi restando con loro e servendo a loro tutti con somma cura". Si tratta del lebbrosario di San Lazzaro, e inte el suo Testamento dice chiaramente che la vera svolta verso la piena conversione ha avuto inizio par lui quando si ze accostato a queste persone. I primi tempi Francesco non ha una fissa dimora. Solo inte el 1213 il beato Villano, vescovo di Gubbio e benedettino dell'abbazia di San Pietro, concederà ai frati di stabilire una loro sede nell'antica Santa Maria della Vittoria, che la tradizione indica come il luogo inte el cuało Francesco ammansì il lupo.

Ritorno a Asixi[canbia | canbia el còdaxe]

Passati alcuni mesi dell'anno 1207 e placatosi lo scandalo sollevato dalla rinuncia dei beni paterni, Francesco ritorna ad Assisi. Par un certo periodo se ne sta solo, impegnato a riparare alcune chiese in rovina come San Pietro (al tempo, fuori le mura), la Porziuncola a Santa Maria degli Angeli e San Damiano. L'alacrità e l'impegno che mette inte el lavorare convince col tempo alcune persone che vanno ad aiutarlo; riferendosi a San Damiano diceva: "Qui sorgerà un monastero di signore, e par la fama della loro santa vita, sarà glorificato in tutta la chiesa il nostro Padre Celeste". Le parole del Santo si rivelano profetiche perché di lì a poco, inte el 1211 (o 1212) Chiara, dopo aver vestito a Santa Maria degli Angeli lo stesso abito religioso di Francesco, troverà qui stabile dimora, fondando, a sua volta, un Ordine femminile. Par Francesco, San Damiano ha un valore particolare. Tra le sue mura trova sempre pace e consolazione. Inte el 1225, dopo aver ricevuto le stigmate sul monte della Verna (luogo su cui sorgerà l'omonimo Santuario), vi soggiorna alcuni dì par riposarsi. Secondo la tradizione, ze qui che il Frate improvvisa le prime strofe del Cantico delle Creature.

La predicasion[canbia | canbia el còdaxe]

I primi anni della conversione sono caratterizzati dalla preghiera, dal servizio ai lebbrosi, dal lavoro manuale e dall'elemosina. Ma inte el 1208, dopo aver ascoltato la parola del Vangelo nella chiesa di San Nicolò ad Assisi, Francesco sente fermamente di dover portare la Parola di Dio par le strade del mondo. Inizia così la sua predicazione, dapprima nei dintorni di Assisi, poi sempre più lontano. Ben presto altre persone si aggregano a lui e, con le prime adesioni, si forma il primo nucleo della comunità di frati. Uno di essi ze Bernardo di Quintavalle, suo amico d'infanzia. Par un breve periodo, inte el 1209 Francesco e i suoi si istallano inte el "tugurio" di Rivotorto, sulla strada verso Foligno, che i frati hanno scelto perché vicino ad un ospedale di lebbrosi. Ma il posto scelto ze umido e malsano e sarà presto abbandonato. Francesco, con i suoi primi compagni (frate Leone, frate Masseo, frate Elia Bombarone, frate Ginepro, e inte el 1214 i primi frati "dotti", tra cui Tommaso da Celano, uno dei principali biografi del Santo e forse Giovanni da Pian di Carpine) si stabilisce vicino alla piccola badia di Santa Maria degli Angeli, sulla pianura del Tescio, in località "Porziuncola". Abbandonata in mezzo al bosco di cerri, viene concessa a Francesco e ai suoi frati dall'Abate di San Benedetto del Subasio, intorno al 1209. Da qui partiranno le prime mision apostoliche verso i quattro angoli della terra.

Inte el 1210 a Roma Francesco riceve l'approvazione di papa Innocenzo III par il suo "Ordo fratum minorum".

Alla Porziuncola Francesco scrive inte el 1221 la prima Regola di vita; la meno rigorosa "Regola seconda" viene scritta con il cardinale Ugolino d'Ostia (il futuro papa Gregorio IX) e approvata da papa Onorio III inte el 1223. Sempre alla Porziuncola si tengono i primi Capitoli Generali detti anche capitoli delle stuoie, vi si celebra l'indulgenza del 1216 concessa a Francesco, in una visione, dallo stesso Cristo. In questo "luogo santo", inte el 1226, Francesco vuole tornare a morire. Lascia un "Testamento", che vorrebbe fosse sempre legato alla "Regola", in cui esorta l'ordine a non allontanarsi dallo spirito originario.

Viene canonizzato inte el 1228, due anni dopo la morte.

Pelegrin del mondo, paladin de pace[canbia | canbia el còdaxe]

Murale di San Francesco ad Assisi

Col tempo la fama di Francesco cresce enormemente e cresce in maniera esponenziale anche la schiera dei frati (già 7000 in inte el 1215). Inte el 1217 Francesco presiede il capitolo generale di Assisi, che organizza la grande espansione dell'ordine in Italia e invia mision in Germania, Francia e Spagna. La pacifica rivoluzione che il nuovo Ordine sta compiendo comincia ad essere palese a tutti. Iniziano parò anche i primi problemi: Francesco ha paura che, ingrandendosi senza controllo, la fraternità minoritica devii dai propositi iniziali.

Par dare l'esempio e par potersi dedicare completamente alla sua missione, inte el 1220, tornato da un viaggio in Egitto e in Palestina, rinuncia al governo dell'Ordine in favore dell'amico e seguace Pietro Cattani. È in questo periodo che 'nascono i Capitoli Generali: sorgono con l'esigenza di impostare la vita comunitaria, di organizzare l'attività di preghiera, di rinsaldare l'unità interna ed esterna, di decidere nuove missioni.

Ed ze la Porziuncola la sede inte łe cuałe si ospitano tutti i capitoli più importanti. Il concetto di pellegrino e uomo del mondo, comunque, rimane par Francesco uno dei capisaldi del proprio ideale di vita. Con il risultato che la vulgi pietas e la devozione dei discepoli collegano idealmente alla tradizione biblica e al Vangelo ogni passaggio e ogni atto del Santo in relazione ai luoghi del suo peregrinare quale annunciatore di Cristo. Ad esempio Greccio (sulla strada che da Stroncone prosegue verso il reatino) dove inte el Natale del 1223 Francesco rievoca la nascita di Gesù Cristo e dove ze nata la tradizione del Prexepio.

Oltre alla vita attiva Francesco sente continuamente l'esigenza di ritirarsi in posti solitari par ritemprarsi e pregare. Come, ad esempio, l'eremo delle Carceri di Assisi, sulle pendici del monte Subasio, che offre al frate quel necessario silenzio e quella pace che gli consentono un più intimo colloquio con il Cristo.

L'ordene Francescan[canbia | canbia el còdaxe]

San Francesco d'Assisi fondò tre ordini riconosciuti dalla Chiesa, esistenti tutt'oggi, aventi costituzioni proprie. Il primo ordine ze quello dei frati minori, che seguono la regola approvata dal papa Onorio III, ossia la Regola bollata (1223), che a sua volta si divide in tre rami: Frati Minori Conventuali, Frati Minori Osservanti, e Frati Minori Cappuccini, hanno ciascuno la loro propria organizzazione e struttura legale, ma hanno in comune San Francesco come loro Padre e Fondatore.

Il secondo ordine ze quello delle Clarise fondato da Chiara de Asixi co la Regola de San Francesco, suore di clausura, e attualmente come i frati sono presenti in tutto il mondo.

Il terzo ordine nacque par i laici, o meglio par i secolari, cioè coloro che pur non entrando in convento, vivono nelle loro famiglie la spiritualità francescana. Viene chiamato Ordine Francescano Secolare conosciuto anche come O.F.S. Oltre al Terz'Ordine Secolare, vi ze anche il T.O.R., il Terz'Ordine Regolare (frati, monache e suore). Interpretando le intenzioni di S. Francesco e adattando il suo ideale alle mutevoli realtà dei tempi, a partire dal Duecento, la Chiesa, par mezzo dei vicari di Cristo, ha continuamente emesso documenti papali: papa Onorio III; papa Gregorio IX; papa Innocenzo IV; papa Alessandro IV; papa Urbano IV; papa Clemente IV; papa Martino IV; papa Onorio IV; papa Nicolò IV (1289); papa Celestino IV; papa Bonifacio VIII (1295); papa Leone XIII (1883); papa Paolo VI (1978) attualmente in vigore. L'ultima regola dell'OFS fu approvata da Papa Paolo VI.

Vi ze anche la gioventù francescana che non ze un gruppo, ma una fraternità di giovani che condividono e vivono il Vangelo e il loro essere francescani inte el mondo di oggi, sul posto di lavoro o nello studio.

Spirito missionario[canbia | canbia el còdaxe]

Alla preghiera e alla meditazione la Regola francescana aggiunge lo spirito missionario. Quasi in simbiosi con i precetti evangelici, assumendo una condotta completamente divergente rispetto al comune intendimento, a Francesco interessano soprattutto i ceti sociali più deboli, verso quel prossimo che dalla moderna società viene rifiutato, cioè verso il povero, il malato, il perdente, l'ultimo: Francesco vuole essere il minore tra i minori. Si sostiene inoltre che egli applichi ai compagni l'appellativo minores, dato universalmente ai popolani, perché lui stesso vuole incarnare l'ideale di uomo del popolo. Ed Assisi e Santa Maria degli Angeli sono il cuore pulsante da cui parte e ritorna l'attività missionaria di questo nuovo ordine dei "minori", come d'ora in avanti verranno chiamati tutti coloro che seguiranno il fondatore. Francesco dà l'esempio, mostrando un'ansia frenetica e una febbrile sollecitudine nella diffusione del messaggio evangelico. In prima persona vive e sconta un incessante vagare par raggiungere con la Parola molti luoghi, portandosi fino ai confini dell'Europa.

La predega a i oxei[canbia | canbia el còdaxe]

La tomba di San Francesco ad Assisi

A diferensa di altri sermoni, le sue sono prediche semplici par gente semplice. Ma quando Francesco parla, rapisce la folla. Le sue parole hanno una presa incredibile. A Cannara, ad esempio, gli abitanti rimangono affascinati, a tal punto che susciterà una specie di conversione di massa: tutti infatti intendono seguirlo. È in questa circostanza che Francesco pensa alla creazione del Terz'Ordine. Uno degli episodi più famosi dei Fioretti, la predica agli uccelli, avviene proprio in questi luoghi. Più che la cronaca di un avvenimento, le biografie descrivono un passo di vera poesia:

"E passando oltre con quello fervore, levò gli occhi e vide alquanti arbori allato alla via, in su' quali era quasi infinita moltitudine d'uccelli. E entrò inte el campo e cominciò a predicare alli uccelli ch'erano in terra; e subitamente quelli ch'erano in su gli arbori se ne vennono a lui insieme tutti quanti e stettono fermi, mentre che santo Francesco compiè di predicare (...) Finalmente compiuta la predicazione, santo Francesco fece loro il segno della croce e diè loro licenza di partirsi; e allora tutti quelli uccelli si levarono in aria con maravigliosi canti, e poi secondo la croce c'aveva fatta loro santo Francesco si divisoro in quattro parti (...) e ciascuna schiera n'andava cantando maravigliosi canti"

L'opara poetega[canbia | canbia el còdaxe]

Oltre alle "Regole" citate (cui va aggiunta quella par le Clarise di Chiara de Asixi) e al "Testamento", scrisse il Cantego de le Creature o Laudes Creaturarum in volgare e le Adminitiones e le Epistolae in latino.

Altri projeti[canbia | canbia el còdaxe]

Linganbi foresti[canbia | canbia el còdaxe]

Controło de autoritàVIAF (EN87832561 · ISNI (EN0000 0001 2282 6901 · SBN (ITIT\ICCU\CFIV\004349 · LCCN (ENn78095603 · GND (DE118534963 · BNF (FRcb11903378b (data) · BNE (ESXX914146 (data) · ULAN (EN500349636 · NLA (EN35099018 · BAV ADV10180830 · CERL cnp01317240 · NDL (ENJA00521747 · WorldCat Identities (ENn78-095603
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikipedia.org/w/index.php?title=Francesco_de_Asizi&oldid=1035747"