Verità della Fede

Da Wikipedia, l'ençiclopedia libara.
Jump to navigation Jump to search
Verità della Fede
Giotto - The Seven Virtues - Faith.JPG
Gioto (1267-1337), Capeła dei Scrovegni a Pàdova, Fides (Fede).
Autor Alfonso Maria de' Liguori
Lengua orixenaƚe itałiano
Xenere Łibro dogmatico e apołogetico catołico
Ano de publicasion 1767


Verità della Fede (Verità de ła Fede) eł xe ona de łe òpare pi inportanti che gà argominti de dogma e apołogetica fede Catòłica scrita da Sant' Alfonso Maria de' Liguori, Dotore de ła Cexa, nteł' 1767[1].

Contenuo e scopo[canbia | canbia el còdexe]

Sułtio eł scomisia co na preghiera a ła Divina Mare Maria e dopo łè struturà in ter parte con i so capitołi.

Ł'autor eł vołe meter in ciaro te sta òpera i punti prinxipai e apołogetici de ła Cristiana Rełijon[2].

Indice[canbia | canbia el còdexe]

  • A ła Divina Mare Maria
  • Parte prima - contro i materiał isti che nega ł'esistensa de Dio
  • Parte seconda - contro i deisti che nega la Rełijon rivełà
  • Parte tersa - contro i setari che i nega ła Céxa Catòłica de esere ł'unica vera.

Edizion[canbia | canbia el còdexe]

  • (IT) Alfonso Maria de' Liguori Verità della Fede Nella stamperia di Bassano MDCCLXVII, a spese Remondini. Con Licenza de' Superiori, e Previlegio 1767.
  • (IT) Alfonso Maria de' Liguori Verità della Fede Monza per Luca Corbetta 1823.

Note[canbia | canbia el còdexe]

  1. (IT) Vincenzo Ricci, S.Alfonso fondatore in Alfonso M De Liguori Maestro di Vita, Gribaudi, 1998. 42: «[...] Qualche anno dopo, nel 1767 pubblicò una delle sue opere più importanti a carattere dogmatico: Verità della fede, in cui tracciava la storia, esposta la dottrina e ribatteva gli errori intorno al primato e all'infallibilità del Papa.».
  2. (IT) Alfonso Maria de' Liguori, Il tipografo in Verità della Fede, per Luca Corbetta, 1823. 5: «Moltissime sono e di gran pregio le opere in cui viene dagli autori insulti degli empi vendicate la verità e la purezza della nostra Fede. Esse nondimeno o perché si limitano a confutare soltanto gli errori particolari di questo o quell'incredulo o settario o perché le materie di tal materia vi si trattano che l'intelligenza non ne è a tutti comune, o perché finalmente la molle o il dispendio loro ne rendon troppo difficile l'acquisto, non riescono di quell'utile generale che si vorrebbe. A ciò sembra a noi che abbia provveduto il nostro Autore, raccogliendo, come ha fatto, nella presente opera, e dichiarando in breve e piano modo i punti più importanti diffusamente e magistralmente trattati nelle succennate opere: onde può essa meritamente dirsi una compendiosa sì, ma compiuta apologia della Cristiana Religione».

Bibłiografia[canbia | canbia el còdexe]

  • (IT) Vincenzo Ricci, Alfonso M De Liguori Maestro di Vita, Milano, Gribaudi, 1998.

Cołegamenti foresti[canbia | canbia el còdexe]