Coreca

Da Wikipedia, l'ençiclopedia libara.
Jump to navigation Jump to search
Sta pajina xè orfana
Sta pajina xè orfana, overo priva de cołegamenti in entrata da altre pajine
Inserissighene almanco uno pertinente e cava l'avixo
Sta pajina xè orfana
Da tradure
Sta pajina o sexion ła xè sta parsialmente tradota da ła łengua italiana
Te pui contribuir finendo ła tradusion o doparando altre fonti. Nó sta doparar programi de tradusion automatega. Dopara Tradoto da có te ghe finio.
Se inte ła pajina de modifega te cati del testo sconto, controła che el sia ajornà servendote dei cołegamenti a łe «altre łengue» en fondo a ła cołona de sinistra.
No babelfish.svg


Coreca
frasion
Panorama de Coreca
Panorama de Coreca
Dati aministrativi
Stato bandiera Itałia
Rejon Calabria – stema Calabria
Provincia Cosenza – stema Cosenza
Comun Amantea
Teritorio
Coordinae 39°05′39″N 16°04′58″E / 39.094227, 16.082698Coordinate: 39°05′39″N 16°04′58″E / 39.094227, 16.082698
Superfise 4 km²
Abitanti 650 (2014 (stima))
Densità 162,5 ab./km²
Altre informasion
Còd. postałe 87032
Prefiso 0982
Nome abitanti corachesi
Patrono Madona dei Anxełi
Dì de festa 22 de agosto (variabile de calche xorno)
Locałixasion
Italy location map.svg
Coreca
Italy relief location map.jpg
Coreca

Coreca (Coraca o Corica, inte la grafia antica in diałeto locałe) ła xe 'na frasion de 'l comune de Amantea, en provincia de Cosenza, al confin co Campora San Giovanni.

Geografia fisica[canbia | canbia el còdexe]

Teritorio[canbia | canbia el còdexe]

Coreca se afacia a ovest sul mar Tirreno meridionale e ła xe çircondà dal capoluogo comunałe de Amantea fin a sud, dove scumisia el confin co Campora San Giovanni. El teritorio el consiste prinçipalmente en un promontorio rocioxo; inte ła parte pianejante sorge el çentro çitadin. El conprende anca 'na zona cołinare e anpie spiaje. El clima el xe mite.

Storia[canbia | canbia el còdexe]

Inte l'antichità, a l'arivo dei primi cołoni greci corinti par ła natura rigogliosa che ła ricordava ła natałe Corinsia e ła numeroxa prexensa de corvi, la xe stà ciamà Κόρακας (Korakas) che vołe dire proprio "luogo dei corvi". Ma inte 'l teritorio no ghe xe stà 'na çiviltà autonoma, ma come 'na sorta de scało co un porticioło picinin: infati su calche cart vien segnà (fin ai primi ani del XVIII secoło) come Ager Caricum (da ła dominasion romana in poi la ga ciapà 'sta nova denominasion), inte łe rote tra Temesa e Terina par le Eolie (infati łe ixołe le xe distanti 65 miglia da ła Costa de Coreca), da qua el diałeto antico Corica.

Vi sono stati ritrovati dei reperti di questa testimonianza ora custoditi a Reggio Calabria e al British Museum di Londra. Sempre punto importante per le basi di vedetta durante il corso dei secoli, ma non sviluppatasi per dar posto alla vicina Amantea e ai paesi collinari limitrofi come Aiello Calabro e Lago.

La popolazione è in parte discendente da alcune famiglie dei paesi limitrofi venute fin dal 1800 ad insediarsi nei luoghi attuali. Nel 1943 fu un punto strategico per le operazioni degli alleati, soprattutto grazie alla “Turriella” (un fortino di origine arabo-normanna) adoperato dagli anglo-americani per le operazioni di segnaletica morse, da qui la nomenclatura attuale per l'anglicizzazione del nome “Coreca” in quanto in inglese Corica si scrive Coreca.

Molto importante fu lo strategico Casello da Tonnara, ora distrutto e malridotto. Negli anni cinquanta, data la scarsità di lavoro e la miseria del dopoguerra, i corachesi emigrarono in Venezuela alla speranza di un futuro migliore e un ritorno in patria. Negli anni sessanta, grazie al boom economico ed al rilancio dell'economia italiana, Coreca diventa una meta turistica e radioamatoriale, grazie alla posizione strategica Modèl:Chiarire.

Di breve durata anche una emittente radiofonica privata (Radio Coreca chiusa nel 1996), una delle prime pioniere della radiodiffusione privata.

Il 20 maggio 1974 per merito turistico la contrada viene promossa con decreto presidenziale a frazione.

Nei primi anni 90 iniziò il declino di Coreca, per la mancanza di adeguatezza di strutture e servizi vari, favorendo la Vicina Campora San Giovanni e il Capoluogo Comunale. Nel 2008 la frazione per decreto comunale aumenta il territorio annettendo a sé: Marinella, Oliva e Stritture, passando così da 2,5 km² a 4 km². Dal 2013 è iniziato un lento ma eccellente rinnovamento e presa di coscienza per far risorgere Coreca, grazie anche ai giovani locali che ad altre associazioni culturali pro-coreca.

Monumenti e luoghi de interese[canbia | canbia el còdexe]

Cexa de ła Madonna dei Angełi[canbia | canbia el còdexe]

la Chiesa della Madonna degli Angeli a Coreca

El 1º de otobre 1964 scumisiava i lavori par ła costrusion de ła Cexa de Coreca, che ła vegnarà intitołà a ła Madona dei Angełi. I lavori i xe stà finii inte 'l 1965 a ła presensa de łe autorità de l'epoca. De stiłe moderno ma molto sobria, ła połe contegnere 65 persone. Ogni ano durante ła festa patronałe (el 22 de agosto) ghe xe 'na procesion par łe strade del borgo çentrałe.

La Piazza di Coreca in una vista serale
La piasa prinsipal del borgo de Coreca

Grote[canbia | canbia el còdexe]

Molto importanti inte 'l teritorio, sopratuto durante ła seconda guera mondiałe, come rifugio par i abitanti locałi e par i soldà anglo-americani. In seguito doparà par łe manifestasion natałisie e pascuałi fio ai primi ani 2000.

La Tore de Coreca o "Turriella"[canbia | canbia el còdexe]

la "Turriella", Torre de Guardia arabo-normanna vista da ła piasa del borgo çentrałe

'Sta Tore cuà, in parte crołà al primo piano, ła riveste na çerta importansa dal punto de vista storico in quanto la xe un smisioto de stiłi che se ga suseguii inte 'l corso dei secołi e la xe stà utiłizà prinçipalmente come vedetta dai arabi, dopo da Normani e signori vari del teritorio che se ga suseguii fin a l'arivo de łe trupe naziste e poi aleà inte 'l secondo conflito mondiałe. La se cata a nord de l'abitato de Coreca, a łe pendixi de Colle Tuvulo. Se riva łì façilmente da ła Strada de ła Tonnara a nord e da ła Strada da Marinella a sud.

Società[canbia | canbia el còdexe]

Evołusion demogràfica[canbia | canbia el còdexe]

650 abitanti de cui 200 soło inte 'l çentro çitadin, co 'na presensa de stranieri pì o men pari a l'1% de ła popołasion.

Economia[canbia | canbia el còdexe]

La principale fonte economica di Coreca, così come nella vicina Campora San Giovanni è il settore turistico-alberghiero, sviluppatosi grazie alla bellezze della costa: apprezzati sono gli scogli Coreca, fotografati fin dagli anni sessanta ed utilizzati per uso radioamatoriale. Una piccola minoranza è dedita all'agricoltura, con coltura di cipolla, agrumi e patate, allevamenti avicoli e allevamento di suini su scala industriale.

Il quadro economico è completato da imprese artigiane nei settori edilizio, tessile, alimentare, mobiliare e meccanico. C'è comunque un certo tasso di pendolarismo diretto a Cosenza, Lamezia Terme e Catanzaro.

Sudivixion teritoriałi[canbia | canbia el còdexe]

Inte 'l 2014 Coreca ła gera sudivixa inte łe seguenti contrà:

  • Formiciche
  • Giascogne (en diałeto locałe Juascugnu)
  • Grotte (en diałeto locałe "i Grutti")
  • La Pietra (en diałeto locałe a Petraja)
  • Marinella (dal 2011)
  • Oliva (dal 2011)
  • Stritture (fin al 2008; in seguito cedù a Campora San Giovanni e de novo dal 2011)
  • Salto da Zita
  • Scogliera

Voçi corelà[canbia | canbia el còdexe]