Luigi Di Maio

Da Wikipedia, l'ençiclopedia libara.
Jump to navigation Jump to search
Luigi Di Maio
Luigi Di Maio 2019.jpg
Partio
MoVimento 5 Stelle
Incarghi
deputà de ła repùblega d'Itałia (5 de marso 2013, 22 de marso 2018)
vicepresidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana (1º de xugno 2018, 5 de setenbre 2019)
ministro dello sviluppo economico della Repubblica Italiana (1º de xugno 2018, 5 de setenbre 2019)
ministro del lavoro e delle politiche sociali della Repubblica Italiana (1º de xugno 2018, 5 de setenbre 2019)
deputà de ła repùblega d'Itałia (19 de marso 2018) e ministro degli esteri della Repubblica Italiana (5 de setenbre 2019)
Informasion xenerałi
Nasimento6 de lułio 1986, Avełin
Łéngue parlaeŁengua itałiana
Luigi Di Maio signature.svg
Sito ufisiałe
IMDB: nm6402503
Facebook: luigidimaio Twitter: luigidimaio Instagram: luigi.di.maio


Luigi Di Maio (Avełin, 6 lujo 1986) xe un połitico itałian, dal 23 setenbre 2017 capo połitico del Movimento 5 Stee e dal 1° giugno 2018 ministro del sviłupo economico e ministro del laoro e de łe połitiche sociałi, el xe anca visepresidente del consejo dei ministri inte el Goerno Conte. Dal 21 marso 2013 al 22 marso 2018 el xe sta visepresidente de ła Camera dei deputati.

Biografia[canbia | canbia el còdaxe]

El xe nato a Pomigliano d'Arco (Nàpułi) e el xe el pì grando de tre fradełi. So mare, Paola Esposito[1], xe na insegnante de italian e latin, invese so pare Antonio, inprenditor edile, el xe sta dirixente prima del Movimento Sociałe Italian e po de Ałeansa Nasionałe.[2] Dopo el diploma de liceo clàsico[3] el se iscrive a l'università. Inisialmente a ła facoltà de engegneria[4] par po trasferirse a giurisprudenza de l'Università de Nàpułi Federico II,[5] senza conpletar i studi.[6][7][8] Jornalista publisista dal 2007,[9][10] el ga laorà pa' un breve periodo come webmaster e come steward al stadio San Paolo[11] par po butarse en pułitega candidandose inte el MoVimento 5 Stełe.[12]

Prosedimenti giudisiari[canbia | canbia el còdaxe]

El 12 de lujo 2017, Di Maio xe sta indagà formalmente par difamazion a seguito de na denuncia prexentà da Marika Cassimatis, ex candidà sìndico M5S a Genoa[13]. Anca ła giornalista Elena Polidori ga prexentà na denuncia contro de eło par difamasion. Sucessivamente el xùdexe el archivia ła quereła de ła giornalista Polidori parché Di Maio el ga l'imunità parlamentare; mentre el 20 de lujo 2018 xe sta archivià ła querela de ła Cassimatis parché secondo el gip, se tratava de critica politica. [14][15]

Poxision pułitighe[canbia | canbia el còdaxe]

El vien considerà un moderà con na poxision sentrista rento el MoVimento 5 Stełe.[16][17]

Diriti siviłi[canbia | canbia el còdaxe]

El dixe che el ius soli el xe un tema inportante da afrontare a liveło eoropeo, ma delicà parché podaria atirare pi migranti verso l'Itałia e generare corusion, e no se trata de na priorità rispeto al sostegno del redito dei 'taliani.[18][19]

Note[canbia | canbia el còdaxe]

  1. «Luigi Di Maio ospite da Bruno Vespa: mandano in onda la mamma e papà», 10 dicembre 2015. URL verto in data 10 marzo 2018.
  2. Redazione, Luigi Di Maio è il nuovo vicepresidente della Camera
  3. Scheda personale di Luigi Di Maio sul sito web del M5S. Lingambo vardà el 2 maggio 2017.
  4. Ferruccio Sansa. M5s, conosciamo davvero Luigi Di Maio?. 30 gennaio 2017
  5. M5S, quando Di Maio diceva: "Nel movimento per non essere in pochi a decidere per tanti". 29 novembre 2014
  6. «Scalfarotto attacca Di Maio: 'Vorrei vedere il suo curriculum, non è nemmeno laureato'». Tiscali Notizie. URL verto in data 26 febbraio 2017.
  7. «Di Maio predica la trasparenza ma dimentica la società di famiglia». ilGiornale.it. URL verto in data 26 febbraio 2017.
  8. Di Maio contestato a Harvard: 'Volete governare ma non avete alcuna preparazione'. 4 maggio 2017. Lingambo vardà el 13 maggio 2017.
  9. Pubblicisti gennaio 2015 (pdf). Ordine dei giornalisti, 26 gennaio 2015. Lingambo vardà el 15 aprile 2017(archivià dal lingambo del prinsipio n'te ła data: 24 settembre 2015)
  10. Modeło:Camera.it
  11. Mauro Munafò. «Luigi Di Maio, storia di una carriera folgorante», La Repubblica, 23 marzo 2018. URL verto in data 1º febbraio 2015.
  12. Simona Brandolini. «Luigi Di Maio, il grillino che applaude Napolitano», Corriere del Mezzogiorno, 23 aprile 2013. URL verto in data 1º febbraio 2015.
  13. Comunarie Genova, Di Maio indagato per diffamazione
  14. Roma, giudice archivia la querela di alcuni giornalisti contro Di Maio: “Ha immunità parlamentare”
  15. "Di Maio non rinuncia all'immunità parlamentare", Pd attacca il candidato premier grillino
  16. «Luigi Di Maio, spiegato bene - Il Post». Il Post, 30 settembre 2017. URL verto in data 30 settembre 2017.
  17. «Di Maio, il prescelto da Grillo che piace a moderati e imprenditori». LaStampa.it. URL verto in data 30 settembre 2017.
  18. «Ius soli, Di Maio: "Non è una nostra priorità, preferiamo il sostegno al reddito degli italiani" - Il Fatto Quotidiano». Il Fatto Quotidiano, 28 dicembre 2017. URL verto in data 4 giugno 2018.
  19. Ius soli, Di Maio: 'Così aumentano migranti, ma noi non stiamo con la Lega'. 17 giugno 2017. Lingambo vardà el 4 giugno 2018.
Controło de autoritàVIAF (EN2258150032983311180007 · LCCN (ENn2017067016 · GND (DE1136489428 · WorldCat Identities (ENn2017-067016
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikipedia.org/w/index.php?title=Luigi_Di_Maio&oldid=954075"