Pasque Veronesi

Da Wikipedia, l'ençiclopedia libara.
Jump to navigation Jump to search

Le Pasque veronesi l'è stà un episodio de insurezion de la çità de Verona e dei so dintorni contro le trupe de ocupazion francesi, comandà dal zenerale Napoleone Bonaparte. I è stà cussì ciamà anca par asonanza co' i Vespri siciliani.[1] La revòlta, sciopà par via de l'opression fransexe in çità (durante el so soxorno a Verona gh'è stà fiscà de beni ai sitadini e complòti par proàr de roversàr l'aministrazion local) gà scomisià la mattina del 17 avrìl 1797, Lunedì dell'Angelo: la popolazion esasperà gà riussìo a méter fora conbatimento più de mile soldà francesi, sorauto nele prime ore dela bataja, mentre i militi francesi çercava de rifugiarse nei casteli dela çità, indrìoman ciapà d'asalto. L'insuresion xe finìa el 25 avrìl 1797 co' l'aserciamento de la çità da parte de 15.000 soldà: le conseguenze a cui la çità e i çitadini gà dovesto far fronte è stà prinçipalmente el pagamento de ingenti some e le razzie de opere d'arte e de beni.

Quadro storico[canbia | canbia el còdexe]

Le Pasque veronesi l'è stà l'episodio più importante del più vasto movimento delle insorgenze antifrancesi e antigiacobine, che xe sciopà in tuta la penisola italiana dal 1796 al 1814: le pì importanti, oltre ale Pasque veronesi, jera stà la lota del'Armada de la Santa Fede che, guidà dal gardinàl Ruffo, xe riussìa ne la riconquista del regno de Napoli, le azion de le bande Viva Maria in Toscana e Liguria, e le vitorie de Andreas Hofer in Trentìn e Alto Adexe.[2] Sti moti jera stà numerosi, s'à tratà quindi de fenomeno vasto: le stime, da parte de storici de area catolica, parla de almanco 280.000 insorti e 70.000 morti.[3]

Ste revòlte contro la dominazion francese, segondo la storiografia de parte catolica italiana, gà avudo come prinçipal mìcia la politica religiosa francese de ispirazion giacobina, roversa donca ai ai valori sentìdi come fondamentali da la componente più ligà a la Cexa catolica nela società italiana de quel periodo.[4] ligà a la influente presenza ativa, anca in ambito çivìl, de la Cexa catolica[5].

Antefati[canbia | canbia el còdexe]

Dipinto de Paul Delaroche che raprexenta Napoleon che valica le Alpi.

L'obietivo de Napoleon, zà da la primavera del 1796, jera completar la conquista de la rica Lombardia[6], zontando le province de Berghem e Bressa (a l'epoca parte de la Repubblica di Venezia). In effeti le trupe francesi, al prinçipio acolte co' l'impegno de 'na breve sosta, xera xa prexenti a la fin de l'ano a Bressa e Verona: in tal modo anca se le do çità jera ancora soto el dominio veneto, se xe creà le premese par i eventi de l'ano drìo. A Verona in particolar i francesi xe xonxesti el 1º zugno 1796, ocupando i forti militari e alcuni edifici par el restòro de le truppe, anca se la Republica Veneta gavea dichiarà la propia neutralità. I raporti tra la popolazion e i reparti veneti da 'na parte, e le truppe francesi da l'altra, i è stà difisili insìn dal scominso par el comportamento più da ocupanti che da "ospiti" de le truppe francesi. Berghem inveçe rexìsteva ancora a l'ataco francese.

Democratisazion de Berghèm[canbia | canbia el còdexe]

Alessandro Ottolini, podestà de Berghem e patriota che gheva oferto 10.000 omeni per la defesa de la Nazion Bergamasca,[7] a la fin de desembre gà dovù acetàr la richiesta del zeneràl Louis Baraguey d'Hilliers de improntàr dei alozi per le so truppe a l'interno de la çità, dao che esendo senza soldà no gavarìa podesto resistèr a le forze francesi e poiché la neutralità veneta, oviamente, no consentiva un ataco.

A l'arivo de le milizie francesi Ottolini gavea fato seràr l'aceso al castèl, ma Baraguey d'Hilliers l'à riferì che gheva risevesto l'ordene de presidiàr el castèl e la forteza, e che de conseguenza gavarìa dovù conceder ai so soldà l'ingresso in quei edifici: come zà i podestà de Bressa e Verona, anca Ottolini l'era stà obligà a acosentìr. El zenerale francese comunque no l'à cavà i vesili de San Marco, dao che uficialmente anca sta çità seuitava a stàr soto el contròl veneto.

La fase drìo del piùn de Napoleone prevedea el cambiamento de regìme in tuta la rejon tramite l'afidamento de l'aministrazion ai giacobini lombardi, che sucesivamente gavarìa dovù creàr 'na republica (che avarìa compreso i teritori sìn a Verona, o adiritura sìn a Padoa) ligà ala Franza.[8] Quando l'informazion secreta l'è zonzesta a le rechie de Ottolini, sto ultimo gà provedesto suìto a infomrà el provedidor. Francesco Battaia, persona dal caratere esitante nel compìr azion de forza, gà respondesto ch'el dovea securarse che l'informazion fusse vera. Ottolini grazie a 'na spia l'è riussì in tempo curto a 'ver la conferma de le intenzion de Napoleon, ma ciononostante Battaia non l'à festo gnente.

L'opera de "democratisazion"[9] de Berghèm l'è stà scumissià da François Joseph Lefebvre, sucedùo a Baraguay d'Hilliers, in quanto i giacobini locali xera massa pochi. Napoleon l'à ricordà al zeneràl che la democratisazion dovea aparìr volontà de la popolazion: el zeneral, alora, co' jera drìo tegner ocupà Ottolini, l'à ciamà 'na rapresentanza de çitadini perché dichiarasse decadùo el goerno de la Serenisima. Costóri ha protestà ma l'è stà obligà a firmàr.[10] Ottolini nel contempo l'avea riciamà alcune compagnie militari da la provincia, e sta so azion l'è vegnù utilizà cofà pretèsto par l'ocupazion de la çità. Berghèm deventea uficialmente la prima çità veneta sotrà al dominio de Venesia, e Ottolini l'è stà obligà a lassàr la çità.

"Democratisazion" de Bressa[canbia | canbia el còdexe]

Il castèl de Bressa, cascà in man ai rivoluzionari el 18 marzo 1796.

El passo drìo dovèa esser la "democratisazion" de Bressa. In sto caso, anca se la çità jera za soto el parzial controlo francese, l'operazion l'avarìa dovesto esser condota, almanco in aparenza, dai giacobini, dao che nel caso bergamasco l'azion francese jera stà massa evidente. El 16 marzo colone de soldà componeste in parte da giacobini lombardi e in parte da soldà francesi i è partìdi a in direzion de Bressa. El podestà, Giovanni Alvise Mocenigo, l'avarìa volesto portàr un ataco a la colonna nemiga, ma l'è stà fermà dal Battaia, preocupà da l'eventuale uso de la forza.

Du jorni drìo dusento omeni i è intrà a Bressa, co' l'ajuto dei giacobini locali, i a vinsesto le poche resistenze. El primo provedimento l'è stà la cassà de Battaia, che s'à refugià a Verona. Anca se mancava la mancanza de favor ne la popolazion [11], i giacobini i è riussidi, co' l'ajuto francese, a "democratisàr" el contado, ed el 28 marzo anca la çità de Crema. No i è riusìdi inveçe in Val Trompia e soratuto in Val Sabbia e su la Riviera ocidental del Garda, che se preparea a resister armà contro i francesi e i giacobini de la çità.


Le insurezion e la campagna veronese[canbia | canbia el còdexe]

El proveditor Battaia l'è zonzesto a Verona el 22 marzo, e subito l'à fato riunìr el consejo, al qual partesipea anca alguni cai miltiari (el conte Pompei, Ernesto Bevilacqua, Antonio Maffei, Marcantonio Miniscalchi, Ignazio Giusti, Francesco Emilei) e Alessandro Ottolini. Durante el consejo Maffei, Ottolini ed Emilei se gà batùo par convinser i altri membri de l'importanza de la riconquista dei teritori persi, senza renderse conto che in quel momento jera pì importante provédar a la difesa de la Nazion Veronese,[7], prevedibile obietivo sucesivo dei giacobini. Battaia l'à invità a la prudenza, ma el conte Emilei ghe l'à ricordà che la resistenza passiva gheva za portà a la perdita de Bressa, e i çitadini veronesi zera pronti a tor le armi contro i giacobini lombardi. Battaia, 'pena capìo che i presenti jera de l'opinion de Emilei, à canbià idea, e l'è stà dònca deciso a l'unanimità de provédar a la difesa dei confini veronesi.[12]

S'à passà suìto a l'opera: Miniscalchi l'à ciapà el comando de le defese logno la ligna del Garda, mentre a Bevilacqua l'è stà asegnà quel de la ligna tra Villafranca de Verona e 'l confìn ferarese. Tra le dù ligne l'è stà posizionà Maffei.

Feguranti in costume d'epoca in piazza de le Erbe.

Nel contempo l'era tornà a Verona el conte Augusto Verità, el qual jera sempre stà in otimi raporti co' i francesi, e quindi gà proponesto de sicurarse la neutralità francese prima del scontro co'i giacobini. L'è stà quindi scrita e consegnà al zeneràl Antoine Balland (comandante de le trupe francesi a Verona) la letera drìo: Modèl:Citazione In sostanza se domandava l'autorizazion a defender i confini veronesi da i agresori, quindi el zeneràl l'è stà costreto ad aconsentìr, poiché, in caso rovèrso, sarìa stà come ufiçializàr la vengnùa manco autorità de la Serenissima so i so teritori. Bonaparte, che condivideva la sielta de Balland, gà informà el Senato venezian che le trupe francesi non se gavarìa misciàe e che se sustea de quanto sucedesto a Berghèm e Bressa. La risposta de Balland l'à susità gran aprovazion tra i veronesi par la defesa del proprio teritorio.

Inizialmente i cai militari l'è stà mandà a defender i confini praticamente senza omeni, però le cernide gà podesto ofrir 6.000 omeni, in azonta xe rivà numerosi volontari, in particolar da la Valpolicela.

El 23 marzo a Verona l'è rivà la notizia che jera partìa da Bressa 'na spedizion d 500 soldà giacobini direti a Peschiera del Garda o Valeggio sul Mincio: i uficiali e le trupe s'à destocolà cussì a ciapàr le posizion. Miniscalchi s'à portà a Colà, borgo cen sòra le coline de Lazise, Giusti a Povejan Veronese e Bevilacqua a Cerea, mentre Maffei l'a razonzesto Valeggio, da dove l'à podesto constatàr che i nemighi no jera gnancora in vista, podendo quindi riscerare co' più òrdene le so trupe. A lù s'à unìo anca 24 fanti provenienti da Bressa e 40 cavalezeri croati rivà da Verona (insieme a du canoni).[13] El 27 marzo el gà deciso de inviàr un corpo di esplorazion, mentre, nel fratempo, a Castelnuovo del Garda s'era riunidi 1.500 volontari.

Divisa e armo de le truppe polache prestanti servizio par la Franza, ch'el 29 marzo se gavea scontrà co'i insorti a Vilanova, visìn Salò.

La notizia dei movimenti de le truppe nel veronese l'era rivà insìn ne le vali bergamasche, dove i è sciopà numarose rivolte contra i ocupanti. El 29 marzo s'a solevà deboto tuta la zona montuosa bergamasca, tanto che i insorti, cazzà dai francési, gà decidesto de puntàr su Berghèm. In quei jorni, 'ntel bresàn bressàn, gà insorto la popolazion de Salò, sponcionà a la resistenza dal steso Battaia, che gà sicurà par létera l'invio de munizion e de 80 dragoni.

Siti da vardàr[canbia | canbia el còdexe]

Note[canbia | canbia el còdexe]

  1. C. Botta, Storia d'Italia: dal 1789 al 1814, Pisa, 1824. p.264
  2. Agnoli, op. cit., p. 13
  3. M. Viglione, La Vandea Italiana. Le insorgenze controrivoluzionarie dalle origini al 1814, Milano, Effedieffe, 1995.
  4. Agnoli, op. cit., p. 19
  5. Cfr. pag 186, in Giordano Bruno Guerri, Antistoria degli italiani.
  6. Agnoli, op. cit., p. 81
  7. 7,0 7,1 Sotto la Repubblica Veneta con il termine Nazioni si indicavano le varie genti, accomunate da dialetto, storia e tradizioni, ma non necessariamente nell'amministrazione.
  8. Agnoli, op. cit., p. 83
  9. Per "democratizzazione" si intende, in riferimento al periodo rivoluzionario, l'insieme dei cambiamenti istituzionali introdotti dai repubblicani: produzione di codici normativi, organizzazione territoriale retta dai prefetti, costituzione di un potere pubblico laico distinto da quello della Chiesa, obbligo di assistenza sanitaria non più della Chiesa ma della municipalità.
  10. Agnoli, op. cit., p. 85
  11. Agnoli, op. cit., p. 90
  12. Agnoli, op. cit., p. 94
  13. Agnoli, op. cit., p. 101