Paolo Borsellino

Da Wikipedia, l'ençiclopedia libara.
Va a: navigasion, serca

Paolo Emanuele Borsellino (Palermo, 19 de genaro 1940Palermo, 19 de lujo 1992) xe stà un magistrato e połitego itałian copà da la mafia.

Biografia[canbia | canbia sorxente]

El xe stà, co l'amigo e colega Giovanni Falcone, uno dei pì grandi eroi italiani. El nase a Palermo in un quartiere pitoco: La Kalsa, dove vive tra i altri Giovanni Falcone e Tommaso Buscetta. Dopo ver frequentà le scole de l'obligo, Paolo el se iscrive al liceo clasico "Meli", sezion C. Durante i ani del liceo el deventa diretor del giornałe studentesco ciamà "Agorà". Intel xugno del 1958 el se diploma con otimi voti e l'11 de setenbre del stesso ano Borsellino el se iscrive a Giurisprudenza a Palermo con numaro de matricoła 2301. Dopo na rissa tra studenti "neri" e "rossi" el finise par sbajo anca lu de fronte al magistrato Cesare Terranova a cui el diciara la propria estraneità ai fati. El giudice el sentenziarà che Borsellino no'l gh'entra gnente con l'episodio.

Paolo Borsellino, proveniente da na fameja de simpatie de destra, intel 1959 el se iscrisse al FUAN, acronimo de Fronte Universitario di Azione Nazionale (organizazion giovanile del Movimento Sociale Italiano, de cui el rapresentava el ramo studentesco-universitario). Menbro de l'esecutivo provinciałe, dełegà al congreso provinciałe, el vien eleto come rapresentante studentesco inteła lista del FUAN "Fanalino" de Palermo.

El 27 de giugno 1962 a l'età de 22 anni Borsellino el se laurea con 110 e lode.

Onorificenze[canbia | canbia sorxente]

immagine del nastrino non ancora presente

Medaglia d'oro al valor civile

«Procuratore Aggiunto presso la Procura della Repubblica di Palermo, esercitava la propria missione con profondo impegno e grande coraggio, dedicando ogni sua energia a respingere con rigorosa coerenza la proterva sfida lanciata dalle organizzazioni mafiose allo Stato democratico. Nonostante le continue e gravi minacce, proseguiva con zelo ed eroica determinazione il suo duro lavoro di investigatore, ma veniva barbaramente trucidato in un vile agguato, tesogli con efferata ferocia, sacrificando la propria esistenza, vissuta al servizio dei più alti ideali di giustizia e delle Istituzioni.»
— Palermo, 19 lujo 1992

Varda anca[canbia | canbia sorxente]