Ferovia Calalžo-Padova

Da Wikipedia, l'ençiclopedia libara.
Va a: navigasion, serca
Da tradure
Sta pajina o sexion ła xè sta parsialmente tradota da ła łengua itałiana
Te pui contribuir finendo ła tradusion o doparando altre fonti. Nó sta doparar programi de tradusion automatega. Dopara Tradoto da có te ghe finio.
Se inte ła pajina de modifega te cati del testo sconto, controła che el sia ajornà servendote dei cołegamenti a łe «altre łengue» en fondo a ła cołona de sinistra.
No babelfish.svg


Linea feroviaria taliana
Calalžo-Padova
[[Imagine:|280px]]
Soranome '
Onde che la scuminžia Calalžo
Onde che la finis Padova
Quando che la e stata verta 1877
Quande che la e stata serada
Quande che la e stata riverta 1914
Chi che ghe sta drio des RFI S.p.A. (FS)
Chi che ghe stea drio na olta Società Veneta
Strade ferrate Meridionali
Quant che la e longa 155,439 km
Region Flag of Veneto.svg Vèneto
Scartamento standard
Elettrificazione 3000 V CC, te 'l toch PadovaCastelfranco Veneto
Diramažion
Depositi a Padova
Treni in servižio D445, ALn 668, Aln 601-Aln 602
Note
P train.svg Ferovie taliane

La ferrovia Calalžo – Padova la è na ferovia secondaria 'taljana de proprietà statal che la donta le Alpi, partendo da Calalžo, co la Pianura Padana, a Padova.

La linea feroviarja la è gestida da Rete Ferroviaria Italiana che la la qualifica come conplementar[1].

Al servižio feroviario passejeri rejonal e de longa percorenža al gnen fat da Trenitalia. Te 'l orarjo de servižio, e par motivi storici e gestionai, la linea la è inserida te 'l stesso quadro de la Montebeluna-Treviso.

Storja[canbia | canbia sorxente]

La linea feroviarja tra Padova e Calalžo la è al fruto de la realizažion de quatro projeti diversi nassesti inte 'l periodo che al nda da 'l 1877 a 'l 1914:

Al toch tra Padova e Canpo San Piero al è stat fat da la Società veneta per Imprese e Costruzioni Pubbliche inte 'l anbito de la costružion de la linea consoržial tra bassan e al capologo padovan. Al toch in questjon al è stat finanžià da la Provincia de padova e al è stat vert al 11. otobre 1877[2].

La Belluno-Feltre-Treviso fu inserita tra le linee di completamento di seconda categoria dalla legge 29 luglio 1879, n. 5002. La costruzione fu assegnata alla Società Italiana per le strade ferrate meridionali che aprì il tratto tra Treviso e Cornuda il 1º aprile 1884, mentre quello fino a Belluno entrò in funzione il 10 novembre 1886.

Nel frattempo, la Società Veneta, che nel 1882 aveva dovuto cedere la gestione delle linee consorziali alla Società Meridionale, aveva ottenuto la concessione per la costruzione di una linea diretta tra Montebelluna, sulla Cornuda-Treviso, e Camposampiero. La ferrovia fu aperta nel 1886 e passava per Castelfranco Veneto sulla altra consorziale Vicenza – Treviso. Questo passaggio pose fine al dissidio fra il consorzio interprovinciale di Padova, Vicenza e Treviso con la provincia di Venezia, risalente al periodo in cui si stava progettando la Bassano del Grappa – Padova[3].

Nel 1896, la Veneta riprese la gestione diretta del tronco Camposampiero-Padova[4].

A seguito della statizzazione delle ferrovie, tra il 1905 e il 1906, la gestione delle tre linee fu unificata sotto l'egida delle Ferrovie dello Stato[5][6]. Fu questo ente che costruì il tronco tra Belluno e Calalzo: Ponte nelle Alpi fu raggiunta l'8 agosto 1912, mentre l'ultimo tratto, con le sue difficoltà di tracciato, fu aperto all'esercizio ferroviario il 18 maggio 1914 in un periodo difficile alla vigilia della prima guerra mondiale[7]. Questo costrinse i tecnici ad operare scelte, sia di tracciato che esecutive, che ancor oggi sono alla base di notevoli difficoltà di esercizio. La linea venne esercita con trazione a vapore e dalla fine degli anni trenta vide anche l'impiego di automotrici.

Infin a 'l 1955 da la stažion de Sedego-Burban partia la linea privata Burban-Agort innaugurada de 'l 1925 par al trasporto de đent, ma pì che sia de minerai de pirite da le minjere de 'l Agordin.

Carateristiche[canbia | canbia sorxente]

La linea venne esercita con il blocco telefonico e dagli anni trenta a Dirigenza unica. La tratta tra Padova e Vigodarzere venne presto attrezzata con blocco elettrico e poi di blocco automatico.

La linea oggi è ancora a semplice binario e non elettrificata, eccetto la tratta tra Padova e Castelfranco Veneto elettrificata e a doppio binario.

Il traffico passeggeri è buono, meno quello merci. Lungo la linea si incontrano importanti città quali Castelfranco Veneto, Montebelluna Feltre e Belluno. Le stazioni che fungono da interscambio con altre linee, oltre ai capolinea di Padova e Treviso, sono quelle di Ponte nelle Alpi, Montebelluna, Castelfranco Veneto e Camposampiero.

Rotabili doperadi[canbia | canbia sorxente]

Te la linea è stat doperà treni tiradi da locomotive a vapor. In particolar al è da manžonar i grupi 530 e 740. Da 'l secondo dopoguera žerti treni passegeri i è stati fati co automotrici, come par esenpjo le ALn772, le ALn448 (par la "Frecia de le Dolomiti", le ALn773 co i so rimorchi Ln664. I treni a bassa frequentažion dess i gnen fati co 'n numero fra 1 e 5 ALn668 o, qualche olta, co 'n "Minueto". I treni pì frequentadi i è stati tiradi da D341, po' sostituide da D.343, quindi D.345 e par fenir, da la seconda metà de i ani '90, da le D.445. Al servižio merci su quela parte de la linea che no la è eletrificada al è stat fat infin a la metà de i ani '90. Ultima azienda a usufruir de sto sistema de trasporto la è stata la cartjera de Santa Jostina. La tražion la ghe è stata afidada a locomotive a vapor infin almanco a la fin de i ani '60, podopo a le D.445.

Percorso[canbia | canbia sorxente]

Stazioni e fermate
BSicon exKBHFa.svgBSicon KBHFa.svg 128+952 Calalžo – Pieve – Cortina  
BSicon exSTRrf.svgBSicon STR.svg Linea par Cortina-Dobiaco  
BSicon .svgBSicon eHST.svg ---+--- Sotcastel-Tai  
BSicon .svgBSicon TUNNELa.svg 123+866 Galeria Monte Žuco (longh.2,7 km)  
BSicon .svgBSicon TUNNELe.svg 121+168  
BSicon .svgBSicon BHF.svg 118+492 Perarolo  
BSicon .svgBSicon BHF.svg 110+578 Ospital  
BSicon .svgBSicon eHST.svg (24,00) Castelavažo  
BSicon .svgBSicon BHF.svg 103+033 LongaronŽoldo  
BSicon .svgBSicon eABZlf.svg Linea par Conejan  
BSicon .svgBSicon ABZrg.svg Linea par Conejan  
BSicon .svgBSicon BHF.svg 92+715 Ponte – Polpet  
BSicon .svgBSicon BHF.svg 85+093 Belun  
BSicon exSTRlg.svgBSicon STR.svg Linea par Agort  
BSicon exKBHFe.svgBSicon BHF.svg 73+025 Burban SAIF / Sedego – Burban  
BSicon .svgBSicon BHF.svg 68+760 Santa JostinaŽess  
BSicon .svgBSicon BHF.svg 61+639 BuscheLentiaiMel  
BSicon .svgBSicon BHF.svg 54+560 Feltre  
BSicon .svgBSicon BHF.svg 42+908 QueroVas  
BSicon .svgBSicon BHF.svg 37+404 AlanFenerValdobiadene  
BSicon .svgBSicon HST.svg 33+915 PederobaCavaso de 'l TonbaPossagno  
BSicon .svgBSicon HST.svg 29+201 Levada  
BSicon .svgBSicon BHF.svg 27+331 Cornuda  
BSicon .svgBSicon BHF.svg
20+064
28+372
Montebelluna  
BSicon .svgBSicon ABZlf.svg Linea per Treviso / Linea per Susegana (dismessa)  
BSicon .svgBSicon eABZrg.svg Bivio San Gaetano (Linea per Susegana)  
BSicon .svgBSicon BHF.svg 18+064 Fanzolo  
BSicon .svgBSicon ABZrg.svg Linea per Treviso  
BSicon .svgBSicon ABZrg.svg Linea per Venezia  
BSicon .svgBSicon BHF.svg 12+057 Castelfranco Veneto  
BSicon .svgBSicon ABZrf.svg Linea per Trento  
BSicon .svgBSicon ABZrf.svg Linea per Vicenza  
BSicon .svgBSicon STR.svg  
BSicon .svgBSicon eABZrg.svg Linea per Treviso (dismessa)  
BSicon .svgBSicon ABZlg.svg Linea per Bassano del Grappa  
BSicon .svgBSicon BHF.svg
0+000
29+115
Camposampiero  
BSicon .svgBSicon eABZrf.svg Linea per Ostiglia (dismessa)  
BSicon .svgBSicon HST.svg 32+166 San Giorgio delle Pertiche  
BSicon .svgBSicon HST.svg 36+451 Campodarsego  
BSicon .svgBSicon BHF.svg 42+342 Vigodarzere  
BSicon .svgBSicon WBRÜCKE1.svg 42+994 Fiume Brenta  
BSicon STRrg.svgBSicon ABZrf.svg 45+655 Gruppo Scambi Altichiero (per Padova Campo Marte)  
BSicon KRZo.svgBSicon ABZlg.svg Linea per Milano  
BSicon ABZrg.svgBSicon ABZlg.svg  
BSicon BHF.svgBSicon STR.svg Padova Campo Marte  
BSicon STRrf.svgBSicon STR.svg Linea per Bologna  
BSicon .svgBSicon BHF.svg 47+294 Padova  
BSicon .svgBSicon STR.svg Linea per Venezia  

La linea ferroviaria si sviluppa in discesa lungo la valle del Piave. La Calalzo – Pieve di Cadore – Cortina funge da stazione ferroviaria di testa ed è ubicata nel territorio di Calalzo. Nei suoi pressi si diramava la linea privata per Dobbiaco.

La ferrovia prosegue il suo percorso mantendendosi a destra del fiume alpino da cui si allontana definitivamente nei pressi di Levada.

Dopo la stazione di Montebelluna, la ferrovia si dirige a sud-ovest in linea retta verso la Stazione di Castelfranco Veneto nei pressi della quale inizia il tratto a trazione elettrica e a doppio binario. In uscita dalla stazione della cittadina trevigiana, lato San Martino di Lupari, la linea si affianca brevemente ai binari della linea per Bassano del Grappa e per Vicenza, per poi allontanarsi in direzione sud verso Canpo San Piero. Nei pressi di questa stazione avviene il congiungimento con la ferrovia Bassano del Grappa-Padova. Sul ponte sul Brenta, la ferrovia brevemente torna a binario singolo.

Il Gruppo Scambi Altichiero sostituisce l'ex Bivio e permette di deviare i convogli in direzione della stazione di Padova Campo Marte e della ferrovia Padova-Bologna evitando il regresso presso la stazione centrale patavina. La breve linea è stata recentemente raddoppiata[8]

Le progressive chilometriche della linea ferroviaria riflettono il suo sviluppo storico: tra Calalzo e Montebelluna è stata adottata la distanza rispetto alla stazione di Treviso Centrale, mentre da Montebelluna è calcolata rispetto alla stazione di Camposampiero. Da questo scalo si applica la chilometrica della ferrovia tra Bassano e Padova.


Al sistema de i scanbi de Montebeluna[canbia | canbia sorxente]

Stazioni e fermate
BSicon STRq.svgBSicon STRlg.svgBSicon .svgBSicon .svgBSicon .svg Linea per Castelfranco  
BSicon .svgBSicon xABZlf.svgBSicon STRlg.svgBSicon .svgBSicon .svg Bivio S.Gaetano  
BSicon .svgBSicon exSTR.svgBSicon STR.svgBSicon .svgBSicon STRrg.svg Linea per Calalzo  
BSicon STRrg.svgBSicon xKRZu.svgBSicon ABZql+xl.svgBSicon BHFq.svgBSicon STRrf.svg 0+000 Montebelluna*  
BSicon STRrf.svgBSicon exSTR.svgBSicon exSTR.svgBSicon .svgBSicon .svg Linea per Treviso  
BSicon .svgBSicon exABZrg.svgBSicon exSTRrf.svgBSicon .svgBSicon .svg Bivio Feltrina  
BSicon .svgBSicon exSBRÜCKE.svgBSicon .svgBSicon .svgBSicon .svg SR 348 Feltrina  
BSicon .svgBSicon exSTR.svgBSicon .svgBSicon .svgBSicon .svg Linea per Susegana  
  • La stažion de Montebeluna la è su la progressiva chilometrica 20+024 da Treviso Central, su quela 28+372 da Canpo San Piero e su la 0+000 de la dismetesta Montebeluna-Susegana.


Altre informažion[canbia | canbia sorxente]

Voci colegade[canbia | canbia sorxente]

Note[canbia | canbia sorxente]

  1. RFI - Rete in esercizio (PDF). URL consultà el 14-02-2009.
  2. Cornolò, 2005, op. cit., p. 14
  3. Cornolò, 2005, op. cit., p. 23 e pp. 14 e 15
  4. Cornolò, 2005, op. cit., p. 16
  5. Cornolò, 2005, op. cit., p. 16
  6. Legge 15 luglio 1906, n. 324, pel riscatto delle strade ferrate Meridionali e per la liquidazione della gestione dela Rete Adriatica.
  7. Trenidicarta.it - Prospetto cronologico dei tratti di ferrovia aperti all'esercizio dal 1839 al 31 dicembre 1926. URL consultà el 14-02-2009.
  8. RFI S.p.A. Circolare Compartimentale VE 01/2009.

Bibliografia[canbia | canbia sorxente]

  • Marina Delli Colli, La Padova-Calalzo, in Voci della rotaia, Roma 1978.
  • Giovanni Cornolò, La Società Veneta Ferrovie, 2a ed. Ponte San Nicolo, Duegi Editrice, 2005. ISBN 88-900979-6-5.

Altri progeti[canbia | canbia sorxente]


Colegamenti foresti[canbia | canbia sorxente]