Ajuto:IPA (dopion)

Da Wikipedia, l'ençiclopedia libara.
Jump to navigation Jump to search
Pajine da unire
Sta pàgina ła senbra tratare el steso argomento, o comuncue argomenti unificàbiłi, de ła voxe Ajuto:IPA
Te pùi contribuire unifegando i contenùi inte na pàgina ùnica seguèndo łe linee guida

Soto se cata na tabeła che mostra ai no esperti i sinbołi de l'Alfabeto fonetego internasionałe (scursà IPA).

Par ogni sinboło xé dà on exenpio itałian o veneto ndove posibiłe. Che altre lengue d'oparade par i exenpi łe xé łe prinsipałi lengue eoropee che łe połe esare conosue a on parlante italiano o veneto: inglexe, fransexe, spagnoło, todesco.

Par i simbołi che ste lengue no łe ga, de ga fato oparo a łe łengue co maxor numaro de parlanti nasivi: sinexe, arabo, hindi, ruso. Par i sinbołi che no i ghe xé in ste lengue, sine ga d'oparae altre.

Simboli[canbia | canbia el còdexe]

Sinboło Exenpi Descrision
A
a Italiano cassa [ˈkasːa] [a] itałiana, vocałe anteriore verta, no rotondada.
Italian casa [ˈkaːsa] [a] lunga.
ɐ Tedesco Leiter [ˈlaɪ̯tɐ], mehr [meːɐ̯]

inglese cut [kʰɐt]

Come [a], ma in poxision basa sentrałe. No xé rotondada.
ɐ̃ Portoghese campo [ˈkɐ̃pu], irmão [iɾˈmɐ̃w] Come [ɐ], ma naxalixada.
ɑ Olandese bad [bɑt]

francese pâle [pɑl] (pronunsa vecia)

Come [a] ma oncora pì indrio de [ɐ]; xé fonda, scura e guturałe: xé na vocale posteriore verta e no rotondada.
ɑː Inglese father [ˈfɑːðə(ɹ)] [ɑ] longa.
ɑ̃ Francese sans [sɑ̃], temps [tɑ̃] Come [ɑ], ma naxalixada.
ɒ Inglese cot [kʰɒt] Come [ɑ], ma arotondada.
ʌ Inglese cup [kʰʌp] Come [o], posteriore, ma oncora pì basa e i lavari no i xé arotondai.
æ Inglese cat [kʰæt] Come [ɛ] anteriore verta, ma oncora pì verta. No ła xé arotondada.
B
b Italiano bene [ˈbɛːne] [b] italiana, consonante bilavariałe sonora.
ɓ Swahili bwana [ˈɓwɑnɑ] Come [b] dito co se deglutise: xé imnloxiva bilavariałe sonora.
ʙ Sono fato faxendo vibrar i lavari come co se fa brrr par el fredo (no xè ła łengua a vibrare, ma i lavari l'uno contro che ł'altro); xé bilavariałe sonora.
β Spagnolo acabar [akaˈβar], la vaca [la ˈβaka] Se pronunsa come [b] sensa sarare del tuto i lavari provocando na frision d'aria; xé bilavariałe sonora.
C
c Italiano chilo [ˈciːlo], chiesa [ˈcjɛːza] Come [k] ma pì vansada n'te ła boca.

La poxision si połe reperir pronunsando a ła masima vełosità "ke ki ke ki ke ki". È sorda.

ç Tedesco ich [ʔɪç] Come [c], sorda, ma sensa contato tra lengua e pałà.
ɕ Cinese mandarino xìnxī [ɕînɕí]

coreano bosintang [poɕʰintʰaŋ], giapponese sushi [sɯɕi]

Come [ʃ], ma in poxision pałatałe, o vero in poxision de [ɲ] come "gnomo".
ɔ vedare soto O
D
d Italiano dado [ˈdaːdo] [d] itałiana, consonante sonora alveołare parché la lengua toca i alveołi, cio xè el ponto andove i denti i njiem fora da łe xenxive..
ɗ Swahili Dodoma [ɗɔˈɗɔmɑ] Come [d] dito co se deglutise: xé inploxiva alveołare sonora.
ɖ siciliano, salentino, calabrese meridionale e sardo

cuaddu [ku'aɖːu]

Come [d] ma retroflesa. Xé sonora.
ð Inglese the [ðə], father [ˈfɑːðə(ɹ)]

spagnolo dado [ˈdaðo]

greco moderno δίνω [ˈðino]

Come [z] sensa contato tra organi, ma co la lengua tra i denti: xé na consonante interdentałe sonora.
d͡z Italiano zero [ˈd͡zɛːro], pranzo [ˈprand͡zo] "Z" italiana, consonante sonora.
d͡ʒ Italiano gita [ˈd͡ʒiːta], gente [ˈd͡ʒɛnte] "Ge", "gi" italiane. Xé sonora.
d͡ʑ Coreano soju [sʰod͡ʑu]

giapponese Fuji [ɸɯd͡ʑi]

Come [d͡ʒ] ma pì schicià, in poxision pałatałe, cio xè co ła lengua poxisionada come [ɲ] de "gnomo".

Xé na consonante sonora.

ɖ͡ʐ Polacco em [ɖ͡ʐɛm] Come [d͡ʒ] ma retroflesa. Xé sonora.
E
e Italiano serenità [sereniˈta*] [e] itałiana, vocałe anteriore, imaxinada sensa asento acuto.
Portoghese tempo [ˈtẽpu], senda [ˈsẽdɐ]

alguém [aɫˈɡẽj]~[awˈɡẽj]

Come [e], ma naxałixada.
Italian sereno [seˈreːno] [e] longa.
ə Inglese above [əˈbʌv]

francese le [lə]

napoletano Napule [ˈnɑːpulə]

catalano Barcelona [bəɾsəˈɫonə]

È una "schwa", cioè una vocałe neutra e indistinta prodota n'tel csentro de ła boca.

Se połe riprodure imaxinando de declamare l'alfabeto sensa nisuna vocałe ("b, c, d, f, l, m, n...")

ɚ Inglese americano runner [ˈɻʌnɚ]

computer [kʰəmˈpʰjuːɾɚ]

Come [ə] ma comprimendo ła lengua o l'epiglotide.
ɘ Russo со́лнце [ˈsont͡sɘ] Tra [e] e [ɤ].
ɛ Italiano pèsca [ˈpɛska], cioè [t͡ʃoˈɛ*] Come [e] anteriore ma pì verta, ma sensa rivar al verxare grando de [æ].
ɛ̃ Francese vin [vɛ̃]

polacco cię [t͡ɕɛ̃]

Come [ɛ] ma naxalixada.
ɜ Inglese bird [bɜːd] Come [ə] ma un fia' pì verta (in bird xé longa).
ɝ Inglese americano bird [bɝd] Come [ɜ] ma comprimendo ła lengua o l'epiglotide.
ɞ Irlandese tomhail [tɞːlʲ] Come [ɜ], ma co i lavari rotondae (in tomhail xé longa).
F
f Italiano faro [ˈfaːro] [f] italiana, consonante lavarodentałe sorda.
ɟ vardare soto J
ʄ
G
ɡ Italiano gatto [ˈɡatːo] [g] itałiana, sonora.
ɠ Swahili Uganda [uˈɠɑndɑ] Come [ɡ] dito co se deglutise: xé inploxiva sonora.
ɢ Persiano ğazâ [ɢæˈzɒː] Come [ɡ], ma la lingua appoggia più indrio, su l'ugoła: se pronunsa cio xè co ła raixe de ła lengua contro ła parete morbida del palà e no col dorso. Xé sonora.
ɣ Spagnolo fuego [ˈfweɣo]

greco moderno εγώ [eˈɣɔ]

olandese gaan [ɣaːn]

Come [g], sonora, ma sensa contato tra dorso de ła lengua e pałà.
ʒ varda soto Z
H
h Inglese house [haʊ̯s] Come on fia de aria co ła valvoła n'te ła goła (glotide) completamente rilasada e verta. Ła xé sorda.
ɦ Ceco hora [ˈɦora]

coreano guho [kuɦo]

Come una [h], ma sonora e on fià pì sforsada.
◌ʰ Inglese time [tʰaɪ̯m] d'oparà par le consonanti dixue "aspirae", ossia seguie da na cea espirasion de aria.
◌ʱ Hindi Gāndhī [ɡaːndʱiː] Usato per le consonanti sonore aspirate.
ħ Arabo Muhammad [muˈħamːad] Quaxi compagno a [h], ma strenxendo el trato vocałe metendo rente a la faringe la radixa de la lengua:xe faringałe.

Inoltre xé sorda e, n'te ła pronunsa, no se ga da sentir nisuna vibrasion in fondo a ła goła.

ɥ vedere sotto U
ɮ vedere sotto L
ɧ vedere sotto S
I
i Italian dipinto [diˈpinto] [i] itałiana, vocałe anteriore alta.
ĩ Portoghese pinguim [pĩˈɡwĩ] Come [i], ma nasalizzata.
Italiano sito [ˈsiːto] [i] longa.
ɪ Inglese sit [sɪt]

tedesco bist [bɪst]

Come [i], anteriore, ma pì verta
ɨ Ruso ты [tɨ]

połaco dobrzy [ˈdɔbʐɨ]

romeno în [ɨn]

Come [i] dito n'tel sentro del pałà: xé na vocałe sentrałe e in poxision alta.
J
j Italiano ieri [ˈjɛːri]

inglese yes [jɛs]

Come [i], ma xé considerada semivocałe parché ła forma ditonghi e tritonghi.
◌ʲ Russo приве́т [prʲɪˈvʲet] d'oparà par le consonanti dite "pałatałixade" osia dite schiciando e spinxendo ła lengua verso el pałà.
ʝ Spagnolo haya [ˈaʝa] (non standard)

greco moderno γιος [ʝɔs]

napoletano guaglió [(ɡ)waˈʝːo*]

Come una [g], sonora e senza contatto tra lingua e palato e più schiacciata/tirata verso il palato.

La posizione si reperisce pronunciando alla massima velocità "ghe ghi ghe ghi ghe ghi"

ɟ Ungherese György [ɟørɟ] Come [ʝ], sonora, ma con contatto tra organi.
ʄ Swahili jambo [ˈʄɑmbɔ] Come [ɟ] detto mentre si deglutisce: è implosiva.
K
k Italiano casa [ˈkaːza], caro [ˈkaːro] [k] come "koala", consonante sorda.
L
l Italiano lama [ˈlaːma] [l] italiana, consonante sonora.
ɫ Inglese fool [ˈfuː(ə)ɫ]

catalano colze [ˈkoɫzə]

Come [l] ma con la lingua posizionata come in [ɲ] di "gnomo". È chiamata "Dark L" ed è sonora.
ɬ Gallese Llwyd [ɬʊɨ̯d] Come una [ʃ], sorda, ma la punta della lingua è completamente appoggiata al palato e l'aria esce di lato.
ɭ Svedese Karl [kʰɑːɭ] Come [l], sonora, ma retroflessa.
ɺ Giapponese midori [mʲidoɺi] Come [ɾ], sonora, ma con la lingua che scatta di lato.
ɮ Zulu indlala [ínˈɮàlà] Come [l] e [ʒ] detti insieme, con la punta della lingua completamente appoggiata al palato e l'aria che esce di lato.
ʟ Inglese milk [mɪʟk] (alcuni accenti) Come [ɫ], sonora, ma più indietro.
M
m Italiano lama [ˈlaːma] [m] italiana, consonante bilabiale sonora.
ɱ Italiano anfiteatro [aɱfiteˈaːtro], inverno [iɱˈvɛrno] Come [m] ma gli incisivi dell'arcata dentaria superiore toccano il labbro inferiore per un fenomeno di assimilazione.
ɯ vedere sotto W
ʍ
N
n Italiano nano [ˈnaːno] [n] italiana, consonante sonora
ŋ Italiano anca [ˈaŋka], mango [ˈmaŋɡo] È presente anche in inglese (ex. "king") e cinese (ex. "Beijing"), ma in questo contesto non c'è nessuna [g] di rilascio. È una consonante nasale sonora.
ɲ Italiano gnomo [ˈɲɔːmo], gnocco [ˈɲɔkːo] [ɲ] italiana, sonora: la differenza con [n] sta nel fatto che nel primo suono la punta della lingua è schiacciata lungo il palato. Infatti [ɲ] si dice "palatale".
ɳ Hindi Varua [ʋəɾuɳ] Come [n], sonora, ma retroflessa.
ɴ Spagnolo castigliano enjuto [eɴˈχuto]

giapponese nin [nʲiɴ]

Simile a [ŋ], sonora, ma si pronuncia con la radice della lingua poggiata sull'ugola, la parte morbida del palato.
O
o Italiano sordo [ˈsordo] [o] italiana, vocale arrotondata e posteriore, ma è più chiusa rispetto a [ɔ].
õ Portoghese pombo [ˈpõbu], sonho [ˈsõɲu]~[ˈsõju] Come [o] arrotondata, ma nasalizzata.
Italiano sole [ˈsoːle], volo [ˈvoːlo] [o] arrotondata lunga.
ɔ Italiano forte [ˈfɔrte] Come [o], arrotondata, ma più aperta.
ɔː Italiano parola [paˈrɔːla] [ɔ] arrotondata lunga.
ɔ̃ Francese Lyon [ljɔ̃], son [sɔ̃]

polacco rączką [ˈrɔnʈ͡ʂkɔ̃]

Come [ɔ], arrotondata, ma con l'aria che esce anche dal naso.
ø Francese feu [fø]

finlandese öljy [ˈøljy]

Come [e], vocale anteriore, ma le labbra sono arrotondate.
øː Tedesco Goethe [ˈɡøːtə]

francese neutre [nøːtʁ]

[ø] lunga.
ɵ Svedese dum [dɵm] Tra [o] e [ø].
œ Francese bœuf [bœf], seul [sœl]

tedesco Göttingen [ˈɡœtɪŋən]

Come [ɛ], vocale anteriore aperta, ma con le labbra arrotondate.
œː Francese œuvre [œːvʁ], heure [œːʁ] [œ] lunga.
œ̃ Francese brun [bʁœ̃], parfum [paʁˈfœ̃] Come [œ], ma nasalizzata.
ɶ Svedese öra [ˈɶ̂ːˌrâ] Come [a], ma con le labbra arrotondate.
θ vedere sotto Altri
ɸ
P
p Italiano papà [paˈpa*] [p] italiana, consonante bilabiale sorda.
p͡f Tedesco Pferd [p͡fɛɐ̯t] [p] e [f] pronunciati contemporaneamente. È sorda.
Q
q Arabo Qur’ān [qurˈʔaːn] Come [k], sorda, ma usando la radice della lingua appoggiata all'ugola, la parte morbida del palato.
R
r Italiano raro [ˈraːro] [r] italiana, sonora e polivibrante, che si trova tipicamente prima di una consonante oppure è raddoppiata come in "carro".
ɾ Spagnolo pero [ˈpeɾo]

inglese americano water [ˈwɔːɾɚ]

Come [r], sonora, ma avente una sola vibrazione invece delle classiche tre; è tipicamente intervocalica o prima di una vocale.

Si paragoni "carro" a "caro", oppure "farro" a "faro".

ʀ Tedesco Richter [ˈʀɪçtɐ] Simile a [r], sonora, ma facendo vibrare l'ugola contro la parte posteriore della lingua usando la radice della lingua.
ʁ Francese Paris [paˈʁi] Simile a [ʀ] ma senza vibrazione, solo frizione d'aria.
ɽ Hindi baā [bəɽaː] Come [ɾ], sonora, ma con la punta della lingua rivolta indietro verso il palato: è retroflessa e non c'è nessun contatto tra lingua e palato.
ɹ Inglese rose [ɹəʊ̯z] La lingua si accosta al palato come per dire [r] ma non vibra e lascia passare l'aria liberamente. È sonora.
ɻ Inglese americano rose [ɻoʊ̯z] Come [ɹ], sonora, ma con la punta della lingua rivolta indietro verso il palato.
ɺ vedere sotto L
S
s Italiano sale [ˈsaːle] [s] italiana, consonante sorda.
ʃ Italiano sci [ʃi*] [ʃ] italiana; se intervocalica, è sempre doppia/tensificata/geminata ed è sorda.
ɧ Svedese sju [ɧʉː] Come [ʃ] e [x] detti assieme.
ʂ Cinese mandarino shì [ʂɨ̂], russo Пу́шкин [ˈpuʂkʲɪn] Come [ʃ], sorda, ma retroflessa.
T
t Italiano tutto [ˈtutːo] [t] italiana, consonante sorda.
ʈ Svedese kort [kʰɔʈ] Come [t] ma retroflessa.
t͡s Italiano terzo [ˈtɛrt͡so], inglese cats [kʰæt͡s], tedesco Zug [t͡suːk]
t͡ʃ Italiano cera [ˈt͡ʃeːra] [t͡ʃ] italiana, consonante sorda.
t͡ɕ Cinese mandarino Běijīng [pə̀ɪt͡ɕíŋ]

polacco cześć [ʈ͡ʂɛɕt͡ɕ]

Come [t͡ʃ], sorda, ma più schiacciato.
ʈ͡ʂ Polacco cześć [ʈ͡ʂɛɕt͡ɕ] Come [t͡ʃ], sorda, ma è retroflessa.
U
u Italiano urto [ˈurto] [u] italiana, vocale posteriore alta e arrotondata.
ũ Portoghese mundo [ˈmũdu], comum [kuˈmũ] Come [u], ma nasalizzata.
Italiano futuro [fuˈtuːro] [u] lunga.
ʊ Inglese foot [fʊt], tedesco Bund [bʊnt] Come [u], arrotondata, ma più aperta.
ʉ Russo чуть [t͡ɕʉtʲ] Come [ɨ], vocale alta centrale, ma le labbra sono arrotondate.
ɥ Francese lui [lɥi] È [y] semiconsonantica per formare dittonghi e trittonghi, quindi è come [j] ma con le labbra arrotondate.
ɯ vedere sotto W
V
v Italiano vero [ˈveːro] [v] italiana, consonante labiodentale sonora.
ʋ Hindi Varuṇa [ʋəɾuɳ] Come [v] ma il labbro inferiore non si appoggia del tutto agli incisivi dell'arcata dentaria superiore.
ɤ Cinese mandarino Hénán [xɤ̌nǎn] Come [o], vocale posteriore, ma senza le labbra arrotondate.
ʌ vedere sotto A
W
w Italiano uomo [ˈwɔːmo]
◌ʷ Inglese (alcuni accenti) rain [ɹʷeɪ̯n] Indica che il suono precedente è detto con le labbra arrotondate.
ʍ Inglese scozzese what [ʍɔt] Come [ɸ] e [x] detti assieme.
ɯ Coreano modeun [modɯn]

giapponese sushi [sɯɕi]

turco yıl [jɯɫ]

Come [u], vocale posteriore alta, ma senza le labbra arrotondate.
ɰ Coreano ui [ɰi]

turco ağır [aˈɰɯɾ]

Come [ɣ] ma approssimante.
X
x Tedesco Bach [bax]

spagnolo joven [ˈxoβen]

Come [k], sorda, ma senza contatto tra dorso della lingua e palato.
χ Spagnolo castigliano juicio [ˈχwiθjo] Come [x], sorda, ma con la lingua più indietro, vicino all'ugola.
Y
y Francese rue [ʁy] Come [i] anteriore alta ma con le labbra arrotondate.
Tedesco Blüte [ˈblyːtə]

francese sûr [syːʁ]

[y] lunga: come [y] ma detta per un tempo doppio.
ʏ Tedesco zurück [t͡suˈʀʏk] Come [ɪ], più bassa rispetto a [i], ma con le labbra arrotondate.
ʎ Italiano figlia [ˈfiʎːa] Assomiglia alla semivocale [j] e, in italiano, è a inizio parola o intervocalica ed è sempre geminata/tensificata/raddoppiata.
ɥ vedere sotto U
ɤ vedere sotto V
ɣ
Z
z Italiano sposa [ˈspɔːza], sbaglio [ˈzbaʎːo] Come [s], ma sonora.
ʒ Inglese vision [ˈvɪʒn̩]

francese journal [ʒuʁˈnal]

sardo Tuvixeddu [tuvi'ʒeːɖːu]

Come "gi" di "giorno", ma senza contatto tra organi. È sonora.
ʑ Polacco ziem [ʑɛm] Come [ʒ], sonora, ma con la lingua schiacciata verso il palato.
ʐ Cinese mandarino rén [ʐə̌n]

polacco że [ʐɛ], dobrzy [ˈdɔbʐɨ]

Come [ʒ], sonora, ma retroflessa.
ɮ vedere sotto L
Altri
θ Inglese three [θɹiː]

spagnolo castigliano zorro [ˈθorːo]

greco moderno θέλω [ˈθɛlo]

Come [s], sorda, ma con la lingua tra i denti: è una consonante interdentale.
ɸ Coreano husa [ɸʷuːsʰa]

giapponese Fuji [ɸɯd͡ʑi]

Simile a [f], sorda, ma senza contatto tra labbro inferiore e incisivi dell'arcata dentaria superiore.
ʔ Tedesco aber [ˈʔaːbɐ]

hawaiano Hawaiʻi [həˈʋɐi̯ʔi]

arabo Qurān [qurˈʔaːn]

finlandese kuormaauto [ˈkuɔ̯rmɑʔˌɑwtɔ]

Colpo di glottide/stacco glottale, simile a un colpetto di tosse che accompagna la vocale.
ʕ Arabo standard arabī [ˈʕarabiː] Assomiglia a una vocale neutra pronunciata comprimendo la faringe con la radice della lingua. È sonora.

Diacritisi[canbia | canbia el còdexe]

Sinboło Exempi Descrision
ˈ◌ Italiano andare [anˈdaːre] Asento tonico primario (anteponesto a ła siłaba acentada).[1]
ˌ◌ Italiano cavatappi [ˌkavaˈtapːi], inglexe combination [ˌkʰɒmbɪˈneɪ̯ʃn̩] Asento tonico secondario (anteposto a ła siłaba asentada).[1]
. Italiano cor-re-re [ˈkor.re.re] Separasion in siłabe (opsionałe).
◌ː Italiano rena [ˈreːna], renna [ˈrɛnːa] Indica una vocałe o na consonante longa, o sia pronunsada par on tempo dopio.[2]
◌̯ Italiano baita [ˈbai̯ta], inglese boy [bɔɪ̯], romeno poartă [ˈpo̯artə] Indica che na vocałe non xé separada, ma forma on ditongo co cheła de fianco.
◌̃ Fransexe brun [bʁœ̃], portoghexe pombo [ˈpõbu], inglexe americano twenty [ˈtʰwɛɾ̃i] Indica na vocałe o na consonante naxałixada, o sia pronunsada faxendo ndar fora l'aria ana dal naxo.
◌̥
◌̊
Giapponese hito [çi̥to], danese dårlig [ˈd̥ɔːli] Indica na vocałe o na consonante devocałixada, osia sorda.
◌̩
◌̍
Inglese rhythm [ˈɹɪðm̩], tedesco Wagen [ˈvaːɡŋ̍] Indica na consonante siłabica, o sia pronunsada sensa l'auxiłio di una vocale.
◌ʼ Zulu utshani [uˈt͡ʃʼáːni] Indica na consonante eietiva, cioè pronunsada sarando ła glotide.
◌́ Cinese mandarino māma [mámā] Tono alto.
◌̄ Cinese mandarino māma [mámā] Tono medio.
◌̀ Cinese mandarino mǎ [mà] Tono baso.
◌̂ Cinese mandarino mà [mâ] Tono decresente.
◌̌ Cinexe mandarin má [mǎ] Tono cresente.
  1. 1,0 1,1 Non se d'opara in lengue andove l'asento tonico non xé distintivo, come sinese, corean, xaponexe o hindi.
  2. In alternativa, par na consonante se połe anca radopiar el sinboło: renna [ˈrɛnna].